Seguici... Facebook Twitter Google+ Feed RSS
22 ottobre 2018

Sport

Chiudi

29.01.2018

Hellas da pazzi È poker da sogno Tonfo Fiorentina

Luca Mantovani FIRENZE «Restiamo in Serie A , restiamo in Serie A… Però nessuno ci crede, però nessuno ci crede… » cantano i tifosi alla fine della gara. Dalla contestazione alla festa in poco più di novanta minuti, anche se regna soprattutto l’ironia nel settore dello stadio occupato da un migliaio di fedelissimi gialloblù. L’Hellas vince la gara più importante della stagione e rilancia la corsa verso la salvezza. Pochi ci credevano, forse nessuno. Il Franchi poteva diventare il capolinea di Pecchia e la Fiorentina poteva affondare definitivamente i gialloblù ma il quattro a uno finale esalta la prestazione di Romulo e compagni che portano a casa tre punti meritatissimi, si avvicinano alla Spal che pareggia in casa con l’Inter e riducono le distanze dal Crotone che frena con il Cagliari. Scelte quasi scontate per Pecchia che getta subito nella mischia Vukovic accanto a Caracciolo, Ferrari gioca a destra, Fares a sinistra. In mediana Buchel con Romulo e Valoti a sostegno, in avanti Kean, Petkovic e Matos pronti a invertire le posizioni per non dare punti di riferimento alla difesa toscana. Pioli recupera Thereau nonostante la frattura alla costola e lo piazza accanto a Chiesa e Simeone, Badelj in cabina di regia, Benassi e Veretout completano il centrocampo. Solita difesa a quattro davanti a Sportiello, Astori e Pezzella centrali, Laurini e Biraghi sulle corsie esterne. Partono forte i padroni di casa e dopo una manciata di secondi sfiorano il vantaggio grazie al regalo di Fares che scivola in area e dà via libera a Chiesa. Assist per Simeone che batte a colpo sicuro, Nicolas è battuto, Caracciolo respinge sulla linea. Azione tambureggiante dei toscani che allargano il gioco sulle fasce con cross a raffica, i centrali del Verona reggono l’urto anche se i gialloblù non hanno la forza di ripartire. Ma, quando meno te l’aspetti, arriva il vantaggio dell’Hellas. Corner di Romulo, respinge la difesa viola, ancora Romulo che pennella un pallone perfetto per Vukovic, gran colpo di testa, palla in rete. L’uno a zero mette le ali al Verona mentre la Fiorentina va in confusione e perde gli equilibri. L’Hellas sembra un’altra squadra rispetto all’Armata Brancaleone che s’era vista con il Crotone e va vicino al raddoppio con Matos, un ex che ha tanta voglia di farsi rimpiangere. Romulo per Matos, azione travolgente, vince anche l’ultimo rimpallo, palla a Kean che fa secco Sportiello. Due a zero meritato per il Verona che tiene il campo con grande autorità, i padroni di casa ritrovano equilibrio alla fine del tempo ma ormai è tardi e l’arbitro manda tutti negli spogliatoi. All’inizio della ripresa Pioli toglie Benassi e Thereau, manda in campo Gil Dias e Saponara, passa ad un 4-2-3-1 molto offensivo per riaprire la partita e quasi ci riesce, dopo un minuto o poco più quando Chiesa fa partire una sventola che si stampa sul palo. Contropiede da manuale per il Verona da Romulo a Matos che mette in azione Petkovic, assist per Kean che firma la doppietta personale e regala il tris a Pecchia. Gara in ghiaccio? Nemmeno per idea. Saponara la riaccende con un guizzo dei suoi, Gil Dias segna il gol della bandierina e riaccende le speranze del Franchi. Però con questo Verona non c’è proprio storia. Fallo sulla linea di centrocampo, lancio per Romulo che accende il turbo sulla fascia, entra in area, va sul fondo e mette in mezzo. Laurini tocca ma la palla resta lì, arriva Alex Ferrari con la rapidità di un bomber vero, destro in corsa e palla in rete. Una doccia fredda per la formazione viola che molla gli ormeggi e si getta all’arrembaggio, dentro anche Milenkovic al posto di un difensore come Pezzella ma il bunker del Verona resiste e l’area di rigore gialloblù è off limits per i viola che provano a bombardare Nicolas da fuori, il portiere brasiliano fa buona guardia e quando non ci arriva – come al 25’ sul sinistro dal limite di Gil Dias – ci pensa la traversa. Nel finale Pecchia rivede anche lo schema e passa a un 4-4-2 molto bloccato con Calvano e Franco Zuculini al posto di Petkovic e Romulo. La Fiorentina tiene in mano le redini del gioco ma l’Hellas lotta fino all’ultimo secondo e porta a casa una vittoria pesantissima nella corsa alla salvezza. •

Luca Mantovani
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1

Serie A

CLASSIFICHE
RISULTATI
Juventus
25
Napoli
21
Inter
19
Lazio
18
Fiorentina
14
Sampdoria
14
Roma
14
Sassuolo
13
Torino
13
Parma
13
Genoa
13
Milan
12
Spal
12
Cagliari
10
Atalanta
9
Udinese
8
Bologna
8
Empoli
6
Frosinone
2
Chievoverona
-1
Bologna - Torino
2-2
Chievoverona - Atalanta
1-5
Fiorentina - Cagliari
1-1
Frosinone - Empoli
3-3
Inter - Milan
1-0
Juventus - Genoa
1-1
Parma - Lazio
0-2
Roma - Spal
0-2
Sampdoria - Sassuolo
Udinese - Napoli
0-3