Seguici... Facebook Twitter Google+ Feed RSS
14 dicembre 2018

Sport

Chiudi

23.02.2018

«Grave accusarmi
di aver fatto
del male alla società»

Sean Sogliano
Sean Sogliano

La risposta di Sean Sogliano. L'ex direttore sportivo del Verona ha replicato alle dichiarazioni del presidente Setti, con una lunga lettera in cui racconta la sua verità riguardo all'esperienza con il club gialloblù.

 

A Verona ho vissuto tre anni della mia vita professionale, tre anni molto intensi, molto dispendiosi a livello fisico e mentale; tre anni (non uno e mezzo, come sostiene qualcuno…) ricchi di grandi soddisfazioni, non solo sul campo e non solo per la conquista di risultati straordinari.

 

Non nego che la separazione da Verona e dal Verona sia stata difficile da superare, un “trauma” che in quel momento mi ha portato a fare scelte azzardate, poi rivelatesi sbagliate. Da quel 30 giugno 2015 non ho rilasciato alcuna intervista, non ho mai più parlato dell’Hellas, un po’ perché, chi mi conosce lo sa, fa parte del mio carattere, ma soprattutto per il rispetto nei confronti dei miei colleghi e, più in generale, di tutti gli “addetti ai lavori” che si sono susseguiti.

 

Oggi, ahimè, mi trovo costretto a scrivere alcune riflessioni: lo devo a me stesso, alla mia Professionalità, alla mia Integrità Morale, ma soprattutto a tutte le persone che mi vogliono bene, che lavorano e hanno lavorato con me. Troppe volte il mio nome è stato “usato” in modo poco rispettoso (fuori luogo, fuori tempo) per giustificare eventi negativi, sia tecnici sia finanziari, avvenuti dopo la mia uscita di scena dai piani dirigenziali della Società.

 

Ho tanti difetti ma essere “accusato” di fare il male dell’Azienda per la quale ho lavorato, è assurdo, è gravissimo, è lontano dalla mia onestà morale e dalla mia logica professionale. Innanzitutto, mi preme puntualizzare alcuni aspetti che hanno caratterizzato la mia gestione triennale da Direttore Sportivo dell’Hellas Verona. Ho fatto parte di un organigramma societario ben strutturato dove c’ero io, c’era un Direttore Generale, c’erano svariate figure professionali divise per aree di competenza, e c’era un Presidente molto presente ed attento alle vicende della società. Dico questo per evidenziare il fatto che tutte (e sottolineo TUTTE), le operazioni e gli ingaggi sono state condivise ed avallate dal Presidente stesso.

 

Ci tengo anche a sottolineare che i fattori che concorrono alla stabilità di una società sono molti: i costi, ma anche la crescita della squadra, i risultati, i piazzamenti ottenuti e il valore dei calciatori. E anche la gestione della squadra nelle piccole e grandi difficoltà quotidiane. Io il ruolo di direttore sportivo l’ho sempre interpretato così, a costo di andarmene, come dimostra la mia storia professionale.

 

Oltre ad ottenere risultati eccezionali (una Promozione diretta dalla Serie B alla Serie A alla prima stagione e due salvezze in Serie A, ottenendo quasi 100 punti in 2 anni), ci sono altri aspetti che mi riempiono d’orgoglio perché hanno portato prestigio, oltre che valore e stabilità, al Club per il quale ho lavorato con serietà e dedizione:

 

- in primis, l’aver scelto personalmente due calciatori che sono entrati nella storia dell’Hellas: DANIELE CACIA e LUCA TONI che hanno conquistato, grazie al lavoro di tutti, il titolo di capocannoniere nei difficili campionati di Serie B e di Serie A;

 

- la cavalcata compiuta insieme ad ANDREA MANDORLINI (allenatore non scelto da me), è stata frutto di un percorso in cui si sono alternate discussioni e confronti a momenti di intesa e forte unione (come è giusto che sia nei rapporti limpidi e leali), sempre con grande rispetto l’uno dell’altro e sempre anteponendo il bene della squadra e della società davanti a tutto;

 

- il mio carattere ambizioso che mi porta a non accontentarmi mai, mi ha sempre spinto a combattere per nuovi obiettivi una volta raggiunti quelli prefissati. Non riesco a godermi i risultati, penso sempre allo step successivo. Ho sempre lavorato duramente per vedere l’Hellas il più in alto possibile nella graduatoria finale della Serie A, sia per una questione di prestigio ma soprattutto per dare diritto al Club di avere benefici economici dettati dalla ripartizione delle risorse finanziarie in base al ranking. Inoltre, le due salvezze raggiunte consecutivamente sotto la mia gestione hanno permesso al Verona di partecipare al terzo anno consecutivo in Serie A e di avere quindi diritto, successivamente, ad un paracadute fondamentale (25 milioni di euro) da poter utilizzare nell’anno della Serie B 2016-17;

 

- oltre ad aver garantito diritti tv per i due anni di Serie A ed il paracadute ottenuti con i risultati sportivi, non si possono non ricordare le “PLUSVALENZE” realizzate grazie a calciatori portati a Verona sotto la mia gestione e grazie al lavoro del mio staff con a capo Roberto Gemmi e Fabio Gatti. DONSAH, ITURBE, SALA, ZAMPANO, IONITA, DE COL, GOLLINI, BELKHEIR: operazioni che hanno permesso al Club di incassare almeno 25 MILIONI di euro (al netto di eventuali spese d’acquisto o commissioni). In questo dato non considero i 9 milioni di Jorginho (venduto al Napoli), da noi valorizzato ma portato precedentemente dal ds Mauro Gibellini e dallo straordinario Presidente Martinelli;

 

- nella rosa della Prima Squadra ci sono tutt’ora calciatori giovani, portati e valorizzati nei tre anni della mia gestione: VALOTI, BIANCHETTI, CALVANO e FARES. Insieme all’allora responsabile del Settore Giovanile Claudio Calvetti (da me scelto), abbiamo creato e costruito dal nulla, un settore che ha dato e sta dando grandi risultati, di cui il presidente Setti si sente GIUSTAMENTE orgoglioso. FARES, ZACCAGNI, BEARZOTTI, CHECCHIN, CAPPELLUZZO sono alcuni esempi di chi è arrivato già in Prima Squadra. E ancora, fra i giovani: DANZI, KUMBULLA, CASALE, RICCARDI, GUGLIELMELLI, che, insieme ad altri, rappresentano il futuro;

 

- in tre anni di lavoro e con una società da ricostruire dalle fondamenta, ci sta che qualche calciatore abbia disatteso le aspettative che riponevamo in lui prima del suo acquisto. Più volte citato, CONFERMO, con grande onestà che Alejandro Gonzalez, uno dei pochissimi calciatori per i quali la società ha deciso di investire per l’acquisizione a titolo definitivo, non è riuscito a imporsi come pensavamo, pur avendo le qualità fisiche e caratteriali per poterlo fare. Abbiamo investito anche per un altro calciatore, che non è mai stato nominato in questi anni ma che è stato fortissimamente preso e voluto da me e dal mio team di lavoro: l’attuale capitano e VERA ANIMA della squadra ancora oggi, ROMULO;

 

- un grande rimpianto, forse l’unico, che ho è il non essere stato ascoltato fino in fondo dalla società (o da qualcuno della società…), in relazione a tre operazioni che erano già state impostate e definite. Mi riferisco a 3 calciatori che avrebbero trascinato la squadra ancora più in alto: BELOTTI (allora all’AlbinoLeffe), PAPU GOMEZ (proveniente dall’Ucraina e poi ingaggiato in quella stessa sessione di mercato dall’Atalanta) e BONAVENTURA (per il quale avevamo già un accordo con l’Atalanta, ma sfumato INSPIEGABILMENTE e finito al Milan nelle ultimissime ore di mercato). Operazioni che, a livello economico, erano sostenibili e alla portata del nostro Club, ma che avrebbero sicuramente creato ulteriori plusvalenze nel corso del tempo, come poi è stato per le squadre che li hanno ingaggiati.

 

Sinceramente non credo che un elenco o una lettera possano riassumere i tre anni di lavoro svolti a Verona, un lavoro che non si è limitato al calciomercato. Sono un Direttore Sportivo anomalo per il calcio di oggi, sono un po’ all’antica, mi conoscete bene: parlo poco, preferisco essere presente sul campo, le questioni mi piace affrontarle e risolverle all’interno dello spogliatoio, cerco di essere uno stimolo ma anche uno scudo per il mister e per i calciatori. Sono passati ormai quasi tre anni da quel “famoso” 30 giugno 2015 ed io sono riuscito a girar pagina perché oggi ho la fortuna di poter lavorare per una società gloriosa con una tifoseria molto esigente che vive con passione per la squadra della propria città. Come sempre affronto tutto con grande entusiasmo e grande senso di responsabilità. Fronteggiando numerose problematiche, cerco di fare qualcosa di importante, proprio come anni fa facemmo a Verona.

 

Per questo motivo voglio augurarmi che in futuro, nessuno si permetta di fare un “uso improprio” del mio nome per sfuggire dalle proprie responsabilità o per evitare critiche che, necessariamente, fanno parte di questo mondo e della vita in generale e dalle quali, le persone intelligenti, prendono spunto per crescere.

 

Anche io ho voluto bene al mio ex presidente, l’ho dimostrato nei 3 anni di collaborazione professionale ma sopratutto dopo che le nostre strade si sono separate: non mi sono mai permesso di pronunciare una sola parola nei suoi confronti, mi sono tenuto tutto dentro, a volte frenando l’istinto, come fanno le persone serie e riservate. Mi sarei aspettato lo stesso rispetto, almeno quello umano.

 

Per concludere auguro a tutti i tifosi Veronesi di non dover rivivere un’altra stagione come quella della sciagurata retrocessione 2015-16, definita dal presidente Setti “come la migliore stagione della Sua gestione” (dipende dai punti di vista…).

 

Un Uomo va valutato per il “dopo”.

E’ il dopo che fa capire il valore di un Uomo.

Non prima, non durante.

Nel bene e nel male.

DOPO.

“Nessuna parola detta o scritta potrà mai cancellare l’orgoglio e la soddisfazione per i risultati che abbiamo ottenuto TUTTI insieme”.

IL VOSTRO “OUTSIDER”, Sean Sogliano .

Correlati

Articoli da leggere

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1

Serie A

CLASSIFICHE
RISULTATI
Juventus
43
Napoli
35
Inter
29
Milan
26
Lazio
25
Torino
22
Atalanta
21
Roma
21
Sassuolo
21
Parma
21
Sampdoria
20
Fiorentina
19
Cagliari
17
Empoli
16
Genoa
16
Spal
15
Udinese
13
Bologna
11
Frosinone
8
Chievoverona
3
Cagliari - Roma
2-2
Empoli - Bologna
2-1
Genoa - Spal
1-1
Juventus - Inter
1-0
Lazio - Sampdoria
2-2
Milan - Torino
0-0
Napoli - Frosinone
4-0
Parma - Chievoverona
1-1
Sassuolo - Fiorentina
3-3
Udinese - Atalanta
1-3