Seguici... Facebook Twitter Google+ Feed RSS
23 febbraio 2018

Sport

Chiudi

06.02.2018

Bombardiere Amato, Mantova nel mirino

Andrea Amato, grande protagonista contro Montegranaro FOTOEXPRESS
Andrea Amato, grande protagonista contro Montegranaro FOTOEXPRESS

Simone Antolini Pioggia di bombe su Montegranaro. Andrea Amato arriva silenzioso dall'alto. Viaggia con il vento a favore. Non ha bisogno di trovare la spinta del motore. Cala e colpisce. Una, due, tante volte. Sei triple. Cinque di fila in un solo quarto. Ventotto punti contro la seconda della classe. Miglior prestazione stagionale. E la voglia di sorridere. «Contento io. Ma ha vinto la squadra» conferma il play di Verona. Da ieri con la testa già al derby con Mantova, in programma domani sera al PalaBam. Un passo indietro, però, è utile per capire il momento di Verona. «Abbiamo vinto una partita fondamentale per il nostro cammino. Ribaltando pure la differenza canestri. Adesso, però, arrivano altre quattro sfide di straordinaria importanza. E partire bene era la cosa migliore da fare. Perché febbraio sarà mese di grandi test». Amato ha avuto esplosione fragorosa contro Montegranaro. «Merito dei compagni, del sistema di gioco, della squadra. Mi hanno messo in ritmo. Ero libero e ho continuato a tirare. L'allenatore mi permette di farlo. E vado sicuro. A volte magari segno meno. Ma contano anche gli assist. E contro Montegranaro ne ho messo a segno solo uno. Per dire: devo riuscire a coinvolgere di più i compagni. Si vince insieme». Il mantra di Dalmonte recita: compagni dell'ambizione, nemici della presunzione. Da lì riparte anche il play della Tezenis. «Non siamo una squadra di presuntuosi. Ci passiamo la palla, giochiamo insieme, non siamo invidiosi se un compagno segna. Di sicuro, siamo ambiziosi. E la partita giocata contro Montegranaro ne è dimostrazione. Siamo andati avanti di dieci, quindici punti. Potevamo benissimo fermarci e farci recuperare come già era successo in passato», ammette il grande protagonista di giornata, «e, invece, siamo arrivati a raggiungere un vantaggio anche di venticinque punti. Questo vuol dire che c'è grande competitività da parte di tutti. È questo fa in modo che chiunque entri in campo, si trova a dare il meglio per restare in gioco il più possibile». A Montegranaro mancava Powell. Assenza pesantissima sotto canestro. Sarebbe stata partita completamente diversa con lui tra i giochi? «Sarebbe stata un'altra partita. Ma sapevamo che non ci sarebbe stato. E abbiamo preparato in maniera perfetta l'incontro. La gioia resta tale. Perché, comunque, sul campo abbiamo dimostrato di essere superiori». Da quando Amato è a Verona, quella con Montegranaro «è stata una delle partite più belle, sia di squadra che a livello personale. Nel cuore, però, ci sarà sempre la vittoria in gara cinque a Biella che resta una delle partite più belle della mia vita. Per significato e per importanza. Ma anche quest'anno non sono mancati i successi di valore. Come la vittoria con Trieste, quella di Roseto e pure il successo di Orzinuovi. Momenti bellissimi, che se ci pensi, ti fanno venire la pelle d'oca. Speriamo ce ne siano altre, speriamo di continuare così». E il quarto posto in classifica? Solletica l'ambizione? «Quarti? Sì, ma non da soli. E con classifica compressa», chiude, «dovremo essere bravi ad andare 2-0 nel confronto diretto con le quali abbiamo vinto e ribaltare la differenza con quelle che abbiamo perso. Non sarà facile, perché sulla nostra strada troveremo Mantova, Fortitudo, Treviso, Ravenna. E' un lungo cammino. Lo affronteremo "step by step". Il primo passo ci porta a Mantova. Poi avremo modo di pensare a tutto il resto». •

Simone Antolini
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento richiede l’utilizzo di un “cookie di dominio” secondo quanto indicato nella Privacy Policy del sito; l’invio del commento costituisce pertanto consenso informato allo scarico del cookie sul terminale utilizzato.

pagine 1 di 1

Serie A

CLASSIFICHE
RISULTATI
Napoli
66
Juventus
65
Roma
50
Lazio
49
Inter
48
Sampdoria
41
Milan
41
Atalanta
38
Torino
36
Udinese
33
Fiorentina
32
Genoa
30
Bologna
30
Cagliari
25
Chievoverona
25
Sassuolo
23
Crotone
21
Spal
17
Hellas Verona
16
Benevento
10
Atalanta - Fiorentina
1-1
Benevento - Crotone
3-2
Bologna - Sassuolo
2-1
Chievoverona - Cagliari
2-1
Genoa - Inter
2-0
Lazio - Hellas Verona
2-0
Milan - Sampdoria
1-0
Napoli - Spal
1-0
Torino - Juventus
0-1
Udinese - Roma
0-2