Seguici... Facebook Twitter Google+ Feed RSS
10 dicembre 2018

Sport

Chiudi

20.08.2010

Gambe e cervello: lo staff di Pioli alza i giri al motore


 Mister Pioli sorride accanto a Graziano Vinti, Matteo Osti e Giacomo Murelli FOTOEXPRESS
Mister Pioli sorride accanto a Graziano Vinti, Matteo Osti e Giacomo Murelli FOTOEXPRESS

Silenziosi, onnipresenti, fondamentali. Sono gli uomini di Stefano Pioli. Braccio e mente. Lo staff dell'allenatore emiliano è composto da amici, professionisti, compagni di viaggio. Tutto in uno. Perché l'unione fu (e non è un errore di battitura) la forza.
Ma anche perché al Chievo funziona così. O sei fuori.
Dunque, ecco lo staff gialloblù: vice di Pioli è Giacomo Murelli. A Graziano Vinti sono stati consegnati i portieri. La preparazione atletica è curata da Matteo Osti. Preziosi collaboratori sono Luigi Posenato, specializzato nel recupero infortuni e Davide Lucarelli, che ricopre il ruolo di collaboratore tecnico. Ci sono tutti? Bene, allora il viaggio può incominciare.
FATAL BOLOGNA. Il professor Matteo Osti, 39enne di Ostiglia, scalda i muscoli dei ragazzi di Pioli. Mille dati finiscono dentro al suo «cervellone».
Gli studi del «prof» servono per monitorare la situazione di una squadra che cresce piano. E corre. «Il 29 agosto arriveremo pronti per il campionato», assicura Osti. «Abbiamo lavorato per assicurare costanza di rendimento. Sperando anche nella crescita».
Il professore e Pioli si sono incontrati per la prima volta a Bologna, quando il tecnico era all'inizio della sua carriera, chiamato a guidare gli Allievi della società rossoblù.
Il feeling è stato immediato e, dopo la separazione, è stato di nuovo contatto.
Pioli era stato scelto per allenare la Primavera del Chievo, Osti è rimasto per tre anni nelle giovanili del Bologna.
Poi hanno iniziato a camminare assieme. Fino ad oggi.
Curiosità di campo? Il profe dice tutto. A partire dal più brillante d'inizio stagione, ovvero «Luciano». E «il più esplosivo? Granoche. Il più veloce? Jokic. Il più completo? Bentivoglio». Davide Mandelli, ancora alle prese con i postumi di un'operazione al ginocchio, e Mariano Bogliacino, arrivato a preparazione in corsa, «entreranno in forma un po' più avanti rispetto agli altri».
Ma questo è comprensibile. Ci vuole pazienza.
NELLE MANI DI VINTI. Graziano Vinti, 47 anni di Perugia, è un deja vu. Lui è già stato al Chievo. «E nella mia carriera», ammette, «ho avuto la fortuna di allenare grandi campioni».
Da calciatore Vinti ha iniziato nella sua Perugia: giovanili e sette anni di prima squadra. Poi Venezia, Barletta, Palermo, Pistoia, Atletico Catania, Ancona, Trieste e Sassuolo.
Quando ha smesso di giocare e si è scelto il ruolo di preparatore ha iniziato sempre da Perugia, poi tre anni al Chievo, il Piacenza, e l'anno scorso il Lecce. «Con Pioli ho avuto modo di lavorare a Piacenza», ricorda. «Ci siamo ripromessi, non appena si fosse creata l'occasione giusta, di tornare insieme. Ed è successo qui. Sono contento perché questa per me è una seconda casa. D'altra parte ho allenato grandi portieri qui a Verona: Marchegiani, Julio Cesar, Fontana. E adesso c'è Sorrentino. Non voglio dimenticare, però, Kalac e Seba Rossi».
UN VICE PERFETTO. Giacomo Murelli, 46 anni, originario di San Secondo parmense, è invece l'alter ego di Pioli.
L'uomo giusto. Perché i due si conoscono da una vita. «Siamo cresciuti insieme nel Parma», conferma lui.
Poi è iniziato il viaggio separato tra i professionisti. E Murelli, terzino di fascia destra, ha macinato molta strada: Parma in C1, poi la serie A con l'Avellino, quattro anni a Padova sempre in A, Taranto in B, l'avventura di Bologna, e la bella storia di Brescello dove ha vinto il campionato di C2.
Per chiudere tre anni in serie D al Crociati Parma. «Ho iniziato quindi», spiega, «la carriera di allenatore giocatore al Suzzara dove ho vinto tre titoli: campionato di Promozione, Coppa Italia e Supercoppa».
Murelli è stato poi al Modena di Malesani come collaboratore tecnico ed ha fatto da vice a Pioli sembra nel club canarino in serie B.
I due amici si sono ritrovati dopo tanto tempo. Senza più lasciarsi. Lui conosce bene il mister. «Un pregio? Massima professionalità, grande conoscenza della materia calcio, serietà. Difetto? A volte è fin troppo pignolo», racconta. «Al Chievo ritroviamo insieme la serie A. Per tutti sarà un bellissimo banco di prova». © RIPRODUZIONE RISERVATA

Simone Antolini
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1

Serie A

CLASSIFICHE
RISULTATI
Juventus
43
Napoli
35
Inter
29
Milan
26
Lazio
25
Torino
22
Atalanta
21
Roma
21
Sassuolo
21
Parma
21
Sampdoria
20
Fiorentina
19
Cagliari
17
Empoli
16
Genoa
16
Spal
15
Udinese
13
Bologna
11
Frosinone
8
Chievoverona
3
Cagliari - Roma
2-2
Empoli - Bologna
2-1
Genoa - Spal
1-1
Juventus - Inter
1-0
Lazio - Sampdoria
2-2
Milan - Torino
0-0
Napoli - Frosinone
4-0
Parma - Chievoverona
1-1
Sassuolo - Fiorentina
3-3
Udinese - Atalanta
1-3