Seguici... Facebook Twitter Google+ Feed RSS
23 febbraio 2018

Sport

Chiudi

06.02.2018

Inglese dribbla le angosce «Chievo, riparti con fiducia»

Inglese prova a sfuggire a De Roon e Mancini durante la partita contro l’Atalanta FOTOEXPRESS
Inglese prova a sfuggire a De Roon e Mancini durante la partita contro l’Atalanta FOTOEXPRESS

Alessio Faccincani Roberto Inglese adesso assomiglia tanto ad una luce in fondo al tunnel. Lo potrebbe essere almeno per il Chievo, che nei minuti finali della sfida all’Atalanta ha rivisto quello che probabilmente attendeva con ansia. Un paio di invenzioni sulla trequarti e quelle sterzate in fase offensiva che sono terribilmente mancate almeno dal 30 dicembre scorso, giorno dell’infortunio al ginocchio destro dell’attaccante, subito a Benevento. In un attimo anche la sensazione di aver recuperato quel peso specifico nella manovra d’attacco, che nell’ultimo mese aveva fisiologicamente perso di consistenza. Ora sarebbe comunque sbagliato considerare Inglese alla stregua di un salvatore della patria. Il Chievo però ha indubbiamente recuperato uno dei propri fari, una delle certezze dell’avvio roseo di stagione, prima di incepparsi in un Inverno gelido e avaro di soddisfazioni. «Io sono dispiaciuto per essere rientrato proprio in concomitanza con una sconfitta», gli appunti di Inglese, subito attuali, «ma adesso abbiamo solo l’obbligo di concentrarci sul futuro e di guardare alle prossime partite. Dobbiamo in primis recuperare la fiducia». INQUIETUDINI. Il momento no del Chievo è coinciso anche con quello personale dell’attaccante. Turbato in gennaio in maniera periferica dal mercato, che velocemente ha virato lo sguardo verso altri profili, ed in modo molto più preponderante invece dalle proprie condizioni fisiche. Un trauma distorsivo al ginocchio destro che per fortuna del Chievo si è risolto con semplici terapie conservative, nonostante gli allarmi iniziali. Un mese conclusosi quindi con l’accelerata verso il rientro e lo spezzone di partita contro l’Atalanta, nel primo impegno del mese di febbraio. «Sono stato fuori quaranta giorni, non è stato facile», si confida Inglese. «Le gambe adesso stanno finalmente bene, anche se devo ancora adeguarmi al ritmo partita. Un passo alla volta però e ritornerò al cento per cento della forma». SGUARDO AL FUTURO. Un messaggio che il mondo Chievo spera possa convertirsi rapidamente sul campo. Anche perché l’orizzonte della classifica è drasticamente cambiato rispetto ad un mese fa. Nuovi passi falsi contro dirette concorrenti non sarebbero più gestibili. «Abbiamo un piccolo margine sulla zona calda, che però sta diventando troppo esiguo», si allinea velocemente Inglese. «Le prossime due gare contro Genoa e Cagliari sono determinanti. Sono a mio avviso partite da non fallire», la tesi dell’attaccante clivense, la cui testa è evidentemente già proiettata ai prossimi impegni. Due possibili match-ball da sfruttare nella propria tana e che aiuterebbero a scacciare anche la tanta paura accumulata nell’ultimo periodo. Gli incroci con Genoa e Cagliari determineranno il resto della stagione degli uomini di Maran. Sul merito ci sono davvero pochi dubbi. LA MISSIONE DEL GOL. Ora il Chievo a Bobby-gol chiede principalmente una cosa: ritornare determinante in fase offensiva con il fondamentale che conosce meglio: il gol. L’ultimo lo scorso 22 dicembre contro il Bologna, in un’altra delle classiche serate storte di questo scorcio di inverno. Le ansie adesso però vanno debellate. «Io sono prontissimo per fare la mia parte», la posizione del bomber gialloblù, il miglior marcatore stagionale del Chievo con sette reti. «Spero di avere già in canna un gol per le partite del Bentegodi. Quello che conta però sarà il risultato finale della squadra. Speriamo di poter svoltare. Necessitiamo di un risultato positivo, per riappropriarci delle nostre antiche certezze». E la più incoraggiante probabilmente è proprio legata alla presenza di Roberto Inglese. Contro l’Atalanta sono bastati dieci minuti per rimettere in discussione una partita già sul viale del tramonto. Il Genoa invece dovrà rappresentare una nuova alba. Per Inglese ma anche per tutto il Chievo. • © RIPRODUZIONE RISERVATA

Alessio Faccincani
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento richiede l’utilizzo di un “cookie di dominio” secondo quanto indicato nella Privacy Policy del sito; l’invio del commento costituisce pertanto consenso informato allo scarico del cookie sul terminale utilizzato.

pagine 1 di 1

Serie A

CLASSIFICHE
RISULTATI
Napoli
66
Juventus
65
Roma
50
Lazio
49
Inter
48
Sampdoria
41
Milan
41
Atalanta
38
Torino
36
Udinese
33
Fiorentina
32
Genoa
30
Bologna
30
Cagliari
25
Chievoverona
25
Sassuolo
23
Crotone
21
Spal
17
Hellas Verona
16
Benevento
10
Atalanta - Fiorentina
1-1
Benevento - Crotone
3-2
Bologna - Sassuolo
2-1
Chievoverona - Cagliari
2-1
Genoa - Inter
2-0
Lazio - Hellas Verona
2-0
Milan - Sampdoria
1-0
Napoli - Spal
1-0
Torino - Juventus
0-1
Udinese - Roma
0-2