Seguici... Facebook Twitter Google+ Feed RSS
25 settembre 2018

Sport

Chiudi

11.09.2018

Il Chievo conosce la strada Siamo uomini con la picozza

Lorenzo D’AnnaGianni De Biasi, 62 anni, ultima esperienza alla guida della nazionale albaneseGustavo Giagnoni
Lorenzo D’AnnaGianni De Biasi, 62 anni, ultima esperienza alla guida della nazionale albaneseGustavo Giagnoni

Vita ripida. «Siamo uomini con la picozza. Abituati a scalare. Nessuno è mai venuto a prenderci con l’elicottero». Gianni De Biasi parla di albe e tramonti che solo lui sa. Visti da lassù. Epico eroe di un Modena, che come il Chievo, ha osato attaccare il castello. Fino all’altro ieri, commissario tecnico di un’Albania che all’ultimo Europeo ha trasformato orgoglio e identità in rabbia guerriera. Il tecnico di Sarmede, 62 anni, è stato vicino dal prendere in mano la Polonia poco tempo fa. Ma è andata diversamente. E oggi aspetta. De Biasi, il Chievo va a Roma. La prima preoccupazione? Limitare gli esterni. Arrivano rapidi, si accentrano, lasciano spazio a quelli che spuntano da dietro. La Roma è corsa e qualità. Quando affronti squadra così è utile pure accendere un cero e sperare. Chi arriva dal basso deve essere più coraggioso o più visionario? Deve avere il coraggio di essere visionario. Il suo Modena e “quel“ Chievo di Delneri avevano forse stessa matrice? Sapevano stupire. Erano organizzati in maniera tale da poter giocarsela con tutti. Sarebbe così anche oggi? Oggi il mio Modena e il Chievo di Gigi viaggerebbero tranquillamente a metà classifica. Ha visto cose nuove in questi ultimi anni? Nessuna rivoluzione copernicana. Solo rivisitazioni. Il calcio va avanti, va più veloce, cerca di trovare nuove identità. Ma la linea è stata tracciata in passato da grande maestri come Rinus Michel e Arrigo Sacchi. Ripeto: tutto il resto è rivisitazione. Magari intuito. Per vedere ciò che altri non vedono A me è successo con Stefano Mauri. Era un esterno di sinistra. L’ho messo in mezzo al campo consegnandoli una vocazione offensiva. Di fatto, gli è cambiato il mondo. E si è preso pure la Nazionale. La Roma di Di Francesco oggi cos’è? Una squadra in rodaggio, che conosce già qualcosa di sé, che deve correggere il tiro in corsa ma che dispone di tutto quello che serve per farlo. Il Chievo, invece, non ha più Castro e Inglese. Come si fa, in questi casi? Ci si rinnova, ripartendo da nuove certezze. Ci sono nomi e cognomi? Penso a Radovanovic, che è l’anima che muove questo Chievo. E pure a Birsa, che però deve trovare più continuità. Il 4-3-1-2 è modulo che porta alla salvezza. O, a volte, serve coprirsi quando il vento arriva cattivo? Il modulo lo fanno gli uomini. Io chiedo predisposizione al sacrificio e condivisione. Non esiste un modulo che vince ma uomini che ti portano alla vittoria. Frosinone, Parma, Chievo e Bologna con un solo punto dopo tre giornate. La sorpresa in negativo? Conosco poco il Parma. Con il Frosinone si affaccia alla categoria. Il Chievo conosce la sofferenza. Il Bologna è nel posto sbagliato per piazza e valore. L’anti Juve esiste? Forse va aggiunto il Milan di Gattuso ad una lista già nota. Il campionato ha subito un livellamento verso l’alto. Il Napoli non è cambiato rispetto al passato. E tornerà all’attacco. Inter e Roma non possono sottrarsi al loro ruolo. Mancini ha lanciato il messaggio: fate giocare più italiani Il messaggio ai naviganti è arrivato. Ma tutti, poi, alla fine guardano i risultati. Ed è a questo che si pensa quando si fanno le scelte. Il futuro tra le mani? Ce l’ha Chiesa. Mi piace tantissimo. Il ragazzo ha testa sulle spalle e grandi qualità. Mister, il suo calcio di chi ha nostalgia? Di Gustavo Giagnoni. Un illuminato. Il calcio di oggi avrebbe un gran bisogno del colbacco. Ma, alla fine, questo Chievo? Conosce la strada che porta alla salvezza. D’Anna sa di avere in mano una grande opportunità. E si giocherà tutte le sue carte. Fino in fondo. La situazione non è nuova. Chi soffre, impara a soffrire.

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento richiede l’utilizzo di un “cookie di dominio” secondo quanto indicato in Informazioni sulla Privacy del sito; l’invio del commento costituisce pertanto consenso informato allo scarico del cookie sul terminale utilizzato.

pagine 1 di 1

Serie A

CLASSIFICHE
RISULTATI
Juventus
15
Napoli
12
Fiorentina
10
Sassuolo
10
Lazio
9
Spal
9
Udinese
8
Sampdoria
7
Inter
7
Parma
7
Genoa
6
Atalanta
5
Milan
5
Roma
5
Torino
5
Cagliari
5
Empoli
4
Bologna
4
Frosinone
1
Chievoverona
-1
Bologna - Roma
2-0
Chievoverona - Udinese
0-2
Fiorentina - Spal
3-0
Frosinone - Juventus
0-2
Lazio - Genoa
4-1
Milan - Atalanta
2-2
Parma - Cagliari
2-0
Sampdoria - Inter
0-1
Sassuolo - Empoli
3-1
Torino - Napoli
1-3