Seguici... Facebook Twitter Google+ Feed RSS
22 giugno 2018

Sport

Chiudi

28.02.2018

Spavento e trionfo: Calzedonia da sballo

Jaeschke, ieri determinante, in azione a reteFesta grande al Palais des Sports per la comitiva gialloblù: Calzedonia per la prima volta è in semifinale di Coppa Cev  FOTOEXPRESSL’abbraccio a fine gara tra D’Amico, Magrini e Grbic
Jaeschke, ieri determinante, in azione a reteFesta grande al Palais des Sports per la comitiva gialloblù: Calzedonia per la prima volta è in semifinale di Coppa Cev FOTOEXPRESSL’abbraccio a fine gara tra D’Amico, Magrini e Grbic

Marzio Perbellini MONTPELLIER «Allons enfants de Calzedonia!»: Verona si impone in Francia contro il Montpellier e conquista la semifinale di coppa Cev, primo obiettivo stagionale per la Bluvolley. Se la giocherà con Ankara. Al Palais des Sport la squadra di Grbic si spaventa solo nel primo set, dove subisce l’esuberanza dei francesi, incapace di reagire e sotto i livelli di guardia in tutti i fondamentali. Ma è solo un momento, un’ombra passeggera. E nonostante il tifo assillante, oltre i decibel consentiti, con lo speaker che urla in continuazione nelle casse del palazzetto, e una banda musicale che accompagna la squadra di casa con trombe e tamburi, i ragazzi di Nikola Grbic riprendono in mano le redini della situazione conducendo il match in porto per la gioia dei sostenitori veronesi arrivati fino in Francia per sventolare la bandiera di Calzedonia. E per l’entusiasmo dei soci Bluvolley, con il presidente Stefano Magrini a brindare il successo assieme a Giovanni Bertoni. Calzedonia scende in campo col sestetto titolare (c’è Manavi al posto di Maar); il Montpellier, rispetto al match dell’Agsm Forum, cambia invece parecchio con Patry in diagonale con Saitta, al centro mette Kaba vicino ad Aganits e in banda con Delgado c’è Basserau. Libero Duee. Nel primo set Calzedonia praticamente non entra in campo. Gioca solo il Montpellier che avanza come uno schiacciasassi su una squadra che è la brutta copia di se stessa. I gialloblù sprofondano, assenti alla battuta e, soprattutto, in attacco dove Stern e Jaeschke sbagliano tanto, troppo. Verona cambia, dentro Maar e Marretta, ma scivola sempre più sotto e l’unico sussulto ce l’ha con Jaeschke al servizio, ma dura pochissimo. I francesi, con i tifosi in visibilio, si impongono 25-18. Nel secondo Calzedonia reagisce. Soprattutto dalla linea dei nove metri dove Jaeschke mette subito le cose in chiaro con 4 ace in avvio. Verona si scioglie e inizia finalmente a giocare anche perché la ricezione del Montpellier va in acqua. Poi, quando Maar infila altri 2 ace, i gialloblù prendono il volo e, con il canadese scatenato, ripagano gli avversari con un 17-25 per l’1-1. È fatta. Nel terzo set Calzedonia si impone 18-25 e mette il sigillo sul passaggio del turno: in virtù del 3-1 dell’andata, infatti, le bastava vincere due set. E così è stato. Una frazione dominata in tutti i fondamentali dai gialloblù con ancora un grande Maar all’80% in attacco. I francesi hanno cambiato più volte assetto con Bassereau di nuovo in campo per Thiago Sens, o Cedic per Kaba, ma non c’è stato nulla da fare. Calzedonia dopo lo spavento del primo set ha dominato con grande servizio e alzando il muro (4). Il quarto per Verona è solo una formalità, mentre il Montpellier vuole almeno salvare l’onore. Grbic gira la squadra, fa riposare Birarelli, Jaeschke e Maar e schiera Grozdanov, Marretta e Manavi. In campo si combatte, ma Calzedonia, al secondo match point, chiude con Pajenk per il 3-1 finale e la festa gialloblù. Adesso testa e cuore al campionato con l’ultimo match di regular season contro Piacenza. Domenica Il sogno è vincere e sperare in un passo falso di Trento. •

Marzio Perbellini
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento richiede l’utilizzo di un “cookie di dominio” secondo quanto indicato nella Privacy Policy del sito; l’invio del commento costituisce pertanto consenso informato allo scarico del cookie sul terminale utilizzato.

pagine 1 di 1

Serie A

CLASSIFICHE
RISULTATI
Juventus
95
Napoli
91
Roma
77
Lazio
72
Inter
72
Milan
64
Atalanta
60
Fiorentina
57
Torino
54
Sampdoria
54
Sassuolo
43
Genoa
41
Udinese
40
Chievoverona
40
Bologna
39
Cagliari
39
Spal
38
Crotone
35
Hellas Verona
25
Benevento
21
Cagliari - Atalanta
1-0
Chievoverona - Benevento
1-0
Genoa - Torino
1-2
Juventus - Hellas Verona
2-1
Lazio - Inter
2-3
Milan - Fiorentina
5-1
Napoli - Crotone
2-1
Sassuolo - Roma
0-1
Spal - Sampdoria
3-1
Udinese - Bologna
1-0