Seguici... Facebook Twitter Google+ Feed RSS
26 maggio 2018

Sport

Chiudi

24.01.2018

«Ora sotto con Latina impariamo dagli errori e torniamo a volare»

Emanuele Birarelli, il capitano di Calzedonia FOTOEXPRESS
Emanuele Birarelli, il capitano di Calzedonia FOTOEXPRESS

Marzio Perbellini Domani alle 20 Calzedonia torna in campo all’AgsmForum contro Latina per il recupero della prima giornata del girone di ritorno (saltò per concomitanza con la partita al Bentegodi tra Hellas e Juventus). I gialloblù hanno l’occasione di allungare sulle inseguitrici che si stanno facendo sotto: Padova, Piacenza, Milano e Ravenna. Assorbita la sconfitta con Trento, che ha scalzato Calzedonia dal quarto posto, la squadra di Grbic deve riprendere subito quota e rilanciarsi in campionato. Dovrà scaricare la tensione e giocare con la mente sgombera. Il contrario di quello che ha fatto con la Diatec dove i gialloblù nei momenti cruciali del match, come sottolineato dal coach, non sono stati abbastanza lucidi e alla lunga hanno pagato la pressione di affrontare Trento in casa. «È stata una partita strana», sentenzia Birarelli, uno dei grandi ex del match. «Trento si è affidata tanto a Kovacevic che era in grande spolvero, mentre noi abbiamo fatto fatica a trovare continuità soprattutto in battuta. Al contrario della Diatec che ha fatto un po’ meglio e ci ha messo in difficoltà in ricezione. Questa un po’ la chiave della partita». Un passo avanti rispetto alla gara contro Modena, dove Verona aveva mollato gli ormeggi quasi subito, ma non abbastanza per portare a casa la vittoria. «Un buon terzo set», ricorda il Bira, «e poi fino a metà del quarto siamo stati lì incollati. Ci è mancata forse un po’ di energia e abbiamo pagato il fatto che nessuno di noi stava giocando benissimo. Ci siamo fatti condizionare. Infatti, alla fine, sono emerse un po’ di insicurezze». Qualche sbavatura di troppo e il match è scivolato via. «Sì, Trento ha iniziato a battere bene e siamo andati in crisi in ricezione. Trento era in crescita e sapevamo che sarebbe stato difficile. Ci spiace per la classifica perché in palio c’erano punti importanti ma dobbiamo guardare avanti, guardare in casa nostra e a quello che facciamo noi e non a quello che fanno gli altri. Ora cerchiamo di mettere a posto quello che non ha funzionato nella nostra squadra senza preoccuparci dei nostri avversari». Calzedonia dove dovrebbe migliorare? «Difficile parlare della battuta perché siamo tutti buoni battitori anche se poi in partita capita che non riusciamo ad esprimere tutto il nostro potenziale. A volte ci riesce meglio, altre volte meno. Di sicuro dovremo essere in grado di saperlo fare quando le cose non si mettono bene. Andare al servizio col braccio sciolto quando si è sotto nel punteggio non è semplicissimo ma bisogna saperlo fare perché è fondamentale». Come sarà fondamentale vincere con Latina. «Sì», conferma il capitano, «sarà una partita importantissima e dovremo assolutamente vincere». •

Marzio Perbellini
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento richiede l’utilizzo di un “cookie di dominio” secondo quanto indicato nella Privacy Policy del sito; l’invio del commento costituisce pertanto consenso informato allo scarico del cookie sul terminale utilizzato.

pagine 1 di 1

Serie A

CLASSIFICHE
RISULTATI
Juventus
95
Napoli
91
Roma
77
Lazio
72
Inter
72
Milan
64
Atalanta
60
Fiorentina
57
Torino
54
Sampdoria
54
Sassuolo
43
Genoa
41
Udinese
40
Chievoverona
40
Bologna
39
Cagliari
39
Spal
38
Crotone
35
Hellas Verona
25
Benevento
21
Cagliari - Atalanta
1-0
Chievoverona - Benevento
1-0
Genoa - Torino
1-2
Juventus - Hellas Verona
2-1
Lazio - Inter
2-3
Milan - Fiorentina
5-1
Napoli - Crotone
2-1
Sassuolo - Roma
0-1
Spal - Sampdoria
3-1
Udinese - Bologna
1-0