Seguici... Facebook Twitter Google+ Feed RSS
26 maggio 2018

Sport

Chiudi

22.01.2018

Lacrime Calzedonia Kovacevic si scatena e Trento sorpassa

Thomas Jeaschke in attacco SERVIZIO FOTOEXPRESS
Thomas Jeaschke in attacco SERVIZIO FOTOEXPRESS

Marzio Perbellini A fine match il rammarico è tanto. In un palazzetto gremito da 4500 persone Calzedonia sperava di regalarsi un altro strepitoso successo su Trento dopo quello dell’andata. Ma non aveva fatto i conti con il grande ex Uros Kovacevic. Che all’AgsmForum si scatena (26 punti, 56 % in attacco) e trascina i compagni alla vittoria. Successo che per la Diatec vale doppio, visto che sale a 33 punti, conquista il quarto posto in classifica e supera proprio Verona, ora quinta a quota 32 e tallonata da Padova (30), Piacenza e Milano (29). Squadre che hanno però una partita in più rispetto ai gialloblù, i quali, nel recupero di giovedì sera con Latina, dovranno necessariamente vincere per riguadagnare un po’ di terreno sulle inseguitrici. A parte il primo set, Verona ha lottato a lungo alla pari con gli avversari, regalando spettacolo al pubblico del Forum che ha assistito, a tratti, veramente a una bella battaglia. E sotto 2-0, Calzedonia è pure riuscita a riaprire prepotentemente il match. Dilapidando però quanto di buono fatto nei momenti cruciali del quarto set dove è parsa poco lucida. Per i gialloblù è mancato soprattutto un po’ il servizio, che è stato, invece, l’arma vincente della Diatec con Uros, Kozarmenik e Eder scatenati. LA PARTITA. Il primo set se lo aggiudica Trento con un super Kovacevic (56%). Avanti 15-22, subisce però il ritorno di Calzedonia. Sul 17-22 entra Djuric al posto di Stern e Verona si scuote: Mitar ha tanta voglia di giocare e si vede. Tre punti e tanta rabbia da sfogare per un infortunio che lo ha tenuto lontano dal campo da inizio stagione. I gialloblù risalgono ma il gap è troppo profondo. Finisce 20-25 ma il pubblico applaude Calzedonia al cambio di campo. Verona ha pagato gli errori in attacco (3 a 0) e un servizio poco incisivo. Il secondo set è uno spettacolo. Sul campo le due squadre si danno battaglia e lottano fino al 23-25 per Trento. Nel finale a fare la differenza è ancora Kovacevic, implacabile (83% in attacco). Calzedonia ha messo in campo tutto per contrastare Trento, che, da parte sua, ha difeso l’impossibile e trovato con Eder l’uomo capace di scardinare la ricezione gialloblù (30%). Ed è proprio il servizio a fare la differenza. In positivo per Trento (3 ace) e in negativo per Verona (1 break point ogni 7,67 battute). Nel terzo set Verona riapre la partita. E lo fa con un ottimo tridente: Manavi mette giù palloni pesanti, Jaeschke non sbaglia nulla e Stern inizia a fare male. In più Calzedonia sfoggia una grande ricezione. Però, a incidere sono il servizio (4 ace) e il muro (4). Trento paga il calo di Kovacevic (29%) e una battuta che, al contrario di quella di Verona, non fa male. Il quarto set è un’altalena. Si combatte fino al 9-8 quando Calzedonia con due muri consecutivi si mette davanti. Poi, però, il black out. I gialloblù scivolano 13-18 e sembrano spacciati. Invece, risorgono e arrivano al 19-20. Qui, però, l’aggancio fallisce. Troppe imprecisioni e qualche ingenuità regalano la vittoria a Trento che vince 20-25 per l’1-3. Ora bisogna pensare solo a Latina. •

Marzio Perbellini
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento richiede l’utilizzo di un “cookie di dominio” secondo quanto indicato nella Privacy Policy del sito; l’invio del commento costituisce pertanto consenso informato allo scarico del cookie sul terminale utilizzato.

pagine 1 di 1

Serie A

CLASSIFICHE
RISULTATI
Juventus
95
Napoli
91
Roma
77
Lazio
72
Inter
72
Milan
64
Atalanta
60
Fiorentina
57
Torino
54
Sampdoria
54
Sassuolo
43
Genoa
41
Udinese
40
Chievoverona
40
Bologna
39
Cagliari
39
Spal
38
Crotone
35
Hellas Verona
25
Benevento
21
Cagliari - Atalanta
1-0
Chievoverona - Benevento
1-0
Genoa - Torino
1-2
Juventus - Hellas Verona
2-1
Lazio - Inter
2-3
Milan - Fiorentina
5-1
Napoli - Crotone
2-1
Sassuolo - Roma
0-1
Spal - Sampdoria
3-1
Udinese - Bologna
1-0