Seguici... Facebook Twitter Google+ Feed RSS
10 dicembre 2018

Sport

Chiudi

21.02.2018

Forza Calzedonia! Coltello tra i denti Milano va fermata

Nikola Grbic con i suoi ragazzi in campo contro la Revivre Milano FOTOEXPRESSPer Calzedonia una volata play off all’ultimo respiro
Nikola Grbic con i suoi ragazzi in campo contro la Revivre Milano FOTOEXPRESSPer Calzedonia una volata play off all’ultimo respiro

Il momento è delicato e la partita di questa sera è fondamentale. Alle 20.30 all’AgsmForum arriva Milano dell’ex Andrea Giani (e con lui il vice Tex De Cecco e il preparatore atletico Oscar Berti) determinata a superare Calzedonia in classifica e a conquistare il quinto posto. La Revivre (40 punti), infatti, è a solo due lunghezze da Verona (42) ma, al contrario dei gialloblù, che nell’ultimo periodo hanno accusato una leggera flessione, è in piena forma e si presenta al palazzetto forte di quattro vittorie di fila. La squadra di Grbic, che domenica scorsa dopo la sconfitta a Civitanova è stata scalzata da Trento al quarto posto, dovrà ora difendere il quinto e ritrovare determinazione e gioco per fermare la corsa dei lombardi. Che per l’occasione, e non sarebbe una bella notizia, potrebbero recuperare dopo l’infortunio pure il bomber Abdel Aziz, che nell’ultimo match con Padova si è rivisto in panchina. All’andata, al PalaYamamay, Calzedonia si impose nettamente con un 3-0 senza storia in una gara dominata dall’inizio alla fine. Questa sera, però, le cose potrebbero essere più complicate. Così, almeno, facendo alcune considerazioni: Verona, come detto, non sta attraversando un bel periodo e rispetto all’andata, dove nelle prime 10 partite fece 18 punti, è ora a - 2. Al contrario degli avversari, che invece sono a +4 (all’andata 15 punti, adesso 19) e che nel penultimo turno si sono tolti la soddisfazione di battere al Palapanini Modena per 3-2. Non solo, hanno sconfitto Ravenna con un secco 3-0 e hanno perso solo al tie break da Trento (ma anche da Piacenza). Insomma, una squadra che ha ritrovato Sbertoli e Fanuli e che se schierasse Abdel Aziz sarebbe veramente al completo. Calzedonia, dal canto suo, con un calendario asfissiante tra campionato e Cev, forse sta accusando un po’ di stanchezza oltre che pagare il conto di una lunga lista di infortuni. Mengozzi è ancora fermo e Djuric non è ancora in condizione per poter dare il cambio e far rifiatare Stern, ultimamente un po’ offuscato. C’è da aspettarsi una battaglia. Dura, combattuta fino alla fine. Calzedonia ha bisogno di un grande pubblico. •

Marzio Perbellini
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1

Serie A

CLASSIFICHE
RISULTATI
Juventus
43
Napoli
35
Inter
29
Milan
26
Lazio
25
Torino
22
Atalanta
21
Roma
21
Sassuolo
21
Parma
21
Sampdoria
20
Fiorentina
19
Cagliari
17
Empoli
16
Genoa
16
Spal
15
Udinese
13
Bologna
11
Frosinone
8
Chievoverona
3
Cagliari - Roma
2-2
Empoli - Bologna
2-1
Genoa - Spal
1-1
Juventus - Inter
1-0
Lazio - Sampdoria
2-2
Milan - Torino
0-0
Napoli - Frosinone
4-0
Parma - Chievoverona
1-1
Sassuolo - Fiorentina
3-3
Udinese - Atalanta
1-3