Seguici... Facebook Twitter Google+ Feed RSS
19 settembre 2018

Sport

Chiudi

21.02.2018

Forza Calzedonia! Coltello tra i denti Milano va fermata

Nikola Grbic con i suoi ragazzi in campo contro la Revivre Milano FOTOEXPRESSPer Calzedonia una volata play off all’ultimo respiro
Nikola Grbic con i suoi ragazzi in campo contro la Revivre Milano FOTOEXPRESSPer Calzedonia una volata play off all’ultimo respiro

Il momento è delicato e la partita di questa sera è fondamentale. Alle 20.30 all’AgsmForum arriva Milano dell’ex Andrea Giani (e con lui il vice Tex De Cecco e il preparatore atletico Oscar Berti) determinata a superare Calzedonia in classifica e a conquistare il quinto posto. La Revivre (40 punti), infatti, è a solo due lunghezze da Verona (42) ma, al contrario dei gialloblù, che nell’ultimo periodo hanno accusato una leggera flessione, è in piena forma e si presenta al palazzetto forte di quattro vittorie di fila. La squadra di Grbic, che domenica scorsa dopo la sconfitta a Civitanova è stata scalzata da Trento al quarto posto, dovrà ora difendere il quinto e ritrovare determinazione e gioco per fermare la corsa dei lombardi. Che per l’occasione, e non sarebbe una bella notizia, potrebbero recuperare dopo l’infortunio pure il bomber Abdel Aziz, che nell’ultimo match con Padova si è rivisto in panchina. All’andata, al PalaYamamay, Calzedonia si impose nettamente con un 3-0 senza storia in una gara dominata dall’inizio alla fine. Questa sera, però, le cose potrebbero essere più complicate. Così, almeno, facendo alcune considerazioni: Verona, come detto, non sta attraversando un bel periodo e rispetto all’andata, dove nelle prime 10 partite fece 18 punti, è ora a - 2. Al contrario degli avversari, che invece sono a +4 (all’andata 15 punti, adesso 19) e che nel penultimo turno si sono tolti la soddisfazione di battere al Palapanini Modena per 3-2. Non solo, hanno sconfitto Ravenna con un secco 3-0 e hanno perso solo al tie break da Trento (ma anche da Piacenza). Insomma, una squadra che ha ritrovato Sbertoli e Fanuli e che se schierasse Abdel Aziz sarebbe veramente al completo. Calzedonia, dal canto suo, con un calendario asfissiante tra campionato e Cev, forse sta accusando un po’ di stanchezza oltre che pagare il conto di una lunga lista di infortuni. Mengozzi è ancora fermo e Djuric non è ancora in condizione per poter dare il cambio e far rifiatare Stern, ultimamente un po’ offuscato. C’è da aspettarsi una battaglia. Dura, combattuta fino alla fine. Calzedonia ha bisogno di un grande pubblico. •

Marzio Perbellini
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento richiede l’utilizzo di un “cookie di dominio” secondo quanto indicato in Informazioni sulla Privacy del sito; l’invio del commento costituisce pertanto consenso informato allo scarico del cookie sul terminale utilizzato.

pagine 1 di 1

Serie A

CLASSIFICHE
RISULTATI
Juventus
12
Spal
9
Napoli
9
Sassuolo
7
Sampdoria
6
Fiorentina
6
Genoa
6
Lazio
6
Roma
5
Torino
5
Udinese
5
Cagliari
5
Atalanta
4
Inter
4
Milan
4
Empoli
4
Parma
4
Bologna
1
Frosinone
1
Chievoverona
-1
Cagliari - Milan
1-1
Empoli - Lazio
0-1
Frosinone - Sampdoria
0-5
Genoa - Bologna
1-0
Inter - Parma
0-1
Juventus - Sassuolo
2-1
Napoli - Fiorentina
1-0
Roma - Chievoverona
2-2
Spal - Atalanta
2-0
Udinese - Torino
1-1