Seguici... Facebook Twitter Google+ Feed RSS
21 giugno 2018

Sport

Chiudi

01.03.2018

Finale di stagione infuocato «Ora sarà sempre più dura»

Il saluto con la squadra prima di ogni match SERVIZIO FOTOEXPRESS
Il saluto con la squadra prima di ogni match SERVIZIO FOTOEXPRESS

A metà del primo set Nikola Grbic si mette le mani nei capelli e guarda per terra cercando di raccogliere i pensieri. Calzedonia sta andando a picco sotto i colpi del Montpellier, incapace di reagire e ben al di sotto dei suoi standard in tutti i fondamentali. Per un attimo, prima che Verona risorgesse prendendo in mano la situazione vincendo per 3-1 e conquistando così la semifinale di coppa Cev (che giocherà contro l’Ankara, andata in casa il 13 marzo, il ritorno il 20 in Turchia), c’è stato il timore che fosse una di quelle serate storte in cui va tutto male. Ma la paura è durata un set. Poi la squadra si è sbloccata e per i francesi è stata la fine. «Quando si gioca un primo set come quello che abbiamo fatto noi», dice Grbic, «rare volte non c’è una reazione. Eravamo tesissimi, si vedeva che i ragazzi erano contratti, sentivano l’importanza dell’appuntamento ed erano troppo nervosi. In quei momenti, nei quattro time out fatti già a metà set, due miei e due tecnici, ho cercato di tranquillizzarli», rivela. «Ho detto: “dài ragazzi, questo set è andato, concentriamoci sulla tecnica adesso, sulle cose che sappiamo fare”, un modo per allentare la tensione». E ha funzionato. Perché dal secondo set, grazie anche all’ingresso di Maar, e alla battuta devastante di Jaeschke, la partita ha svoltato. «Sì, abbiamo ribaltato la situazione come un calzino», dice, «abbiano iniziato con la battuta di Thomas e proseguito grazie all’ingresso di Stephen, di cui sono stato molto felice perché ha dato stabilità alla squadra in ricezione, attacco e battuta. Ma mi è piaciuta», aggiunge, «la reazione di tutti nonostante sia stata una serata un po’ difficile per Stern anche se, man mano che la partita andava avanti, migliorava pure lui. Per cui, in conclusione, sono molto contento per come i ragazzi hanno reagito e conquistato il passaggio del turno». E, in vista del finale di stagione, è stato un buon segno vincere anche il quarto set con la squadra rimaneggiata nonostante la frazione fosse oramai ininfluente per passare il turno visto che a Verona bastavano due set. «Sì, perché poteva anche succedere che cambiasse l’atteggiamento visto che avevamo conquistato l’accesso alla semifinale. Invece siamo stati bravi a lottare a e a rimanere concentrati sulla partita con un buon impegno dei giocatori che di solito hanno meno chance di mettersi in mostra. Una serata positiva». E in vista del finale di stagione, soprattutto pensando ai play off contro Trento, preoccupa il calo di alcuni giocatori, in particolare di Stern? «Stern sta facendo una stagione al di sopra di ogni aspettativa», dice Grbic. «Ricordiamoci che a inizio campionato pensavamo di giocare con Djuric titolare e immaginando che Tonchek avrebbe avuto poche possibilità di scendere in campo. E invece è successo quello che è successo e noi siamo qui dove siamo anche tanto grazie a lui», ricorda. «Non dimentichiamo che partiva da secondo e invece si è trovato titolare da subito. E gliel’ho detto a Toncek che sono molto contento della sua stagione, a prescindere di come finirà. È un giocatore molto giovane ed è chiaro che da qui in avanti le difficoltà aumenteranno. Però sono fiducioso, gli ho parlato e gli ho detto su cosa deve concentrarsi per cui andiamo avanti così. Io, ripeto, di lui sono molto soddisfatto». •

Marzio Perbellini
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento richiede l’utilizzo di un “cookie di dominio” secondo quanto indicato nella Privacy Policy del sito; l’invio del commento costituisce pertanto consenso informato allo scarico del cookie sul terminale utilizzato.

pagine 1 di 1

Serie A

CLASSIFICHE
RISULTATI
Juventus
95
Napoli
91
Roma
77
Lazio
72
Inter
72
Milan
64
Atalanta
60
Fiorentina
57
Torino
54
Sampdoria
54
Sassuolo
43
Genoa
41
Udinese
40
Chievoverona
40
Bologna
39
Cagliari
39
Spal
38
Crotone
35
Hellas Verona
25
Benevento
21
Cagliari - Atalanta
1-0
Chievoverona - Benevento
1-0
Genoa - Torino
1-2
Juventus - Hellas Verona
2-1
Lazio - Inter
2-3
Milan - Fiorentina
5-1
Napoli - Crotone
2-1
Sassuolo - Roma
0-1
Spal - Sampdoria
3-1
Udinese - Bologna
1-0