Seguici... Facebook Twitter Google+ Feed RSS
15 ottobre 2018

Sport

Chiudi

28.01.2018

Calzedonia, una volata all’ultimo respiro

Javad Manavi festeggia un punto con Spirito e Stern FOTOEXPRESS
Javad Manavi festeggia un punto con Spirito e Stern FOTOEXPRESS

Marzio Perbellini Qualche giorno per tirare il fiato, recuperare dai piccoli acciacchi e poi sotto di nuovo per la volata play off. E sul rettilineo finale ci sarà da stringere i denti e pedalare fino all’ultimo respiro. Nove i punti, adesso, che separano la quarta in classifica, Trento (36), da Ravenna (27). In mezzo ci sono altre quattro squadre: Calzedonia a 35, Padova a 30, Piacenza a 29 come Milano. Alla fine della regular season mancano 7 partite, 21 punti in palio, e può succedere di tutto. Sono cento metri da fare in apnea, e non sono escluse clamorose “sportellate“. Nel girone di andata, dalla sesta alla tredicesima, Calzedonia, Milano e Padova guadagnarono ben 16 punti. Un bel bottino. Verona perse solo con la Lube mentre Padova, invece, alla Lube rosicchiò un punto e si tolse pure lo sfizio di stendere Modena 3-1. Milano, dal canto suo, subì un pesante 3-0 da Verona, ma sfiorò il colpaccio con Modena perdendo solo al tie break. 15 punti, poi, li fece Trento, 13 Ravenna, che partì fortissimo a inizio stagione e poi perse via, via smalto. E 11 Piacenza. Numeri che rappresentano un riferimento per immaginare una proiezione più o meno plausibile sul finale di stagione. Calzedonia punta al quarto posto, al momento occupato da Trento a una solo lunghezza. E da qui alla fine, a meno di cataclismi, la sfida con i trentini si perpetuerà a distanza giornata dopo giornata. Verona - che dopo avere vinto all’andata, ha perso con la Diatec lo scontro diretto nel girone di ritorno - adesso sul taccuino ha solo l’ultimo big match, quello contro la Lube al decimo turno. Quando Trento, che ha un percorso più difficile visto che deve affrontare anche Perugia (con la quale in semifinale di Coppa Italia ha perso con un nettissimo 3-0), giocherà con Modena. Un turno, dunque, che potrebbe diventare fondamentale. Uno spartiacque. Verona, poi, sulla sua strada, oltre al big match con la Lube, ha tre scontri diretti, all’andata tutti vinti: Ravenna, Milano e Piacenza. Tre gare che segneranno il suo destino. E proprio sul campo dei romagnoli, riprenderà il suo cammino in Superlega il 4 febbraio. Sfida tra due squadre che prima, però, saranno impegnate in Europa. Il 31 Calzedonia giocherà il match di ritorno degli ottavi di Cev con il Liberec, mentre Ravenna, il 30, sfiderà in Challenge, in trasferta, i cechi del Brno. Intanto un po’ di riposo. La pausa per la Coppa Italia servirà a Calzedonia per riprendere fiato dopo il tour de force. •

Marzio Perbellini
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1

Serie A

CLASSIFICHE
RISULTATI
Juventus
24
Napoli
18
Inter
16
Lazio
15
Sampdoria
14
Roma
14
Fiorentina
13
Sassuolo
13
Parma
13
Milan
12
Torino
12
Genoa
12
Cagliari
9
Spal
9
Udinese
8
Bologna
7
Atalanta
6
Empoli
5
Frosinone
1
Chievoverona
-1
Atalanta - Sampdoria
0-1
Cagliari - Bologna
2-0
Empoli - Roma
0-2
Genoa - Parma
1-3
Lazio - Fiorentina
1-0
Milan - Chievoverona
3-1
Napoli - Sassuolo
2-0
Spal - Inter
1-2
Torino - Frosinone
3-2
Udinese - Juventus
0-2