Seguici... Facebook Twitter Google+ Feed RSS
14 agosto 2018

Sport

Chiudi

01.02.2018

Calzedonia sul velluto, ora il Montpellier

Il muro perfetto di Stern, Pajenk e Manavi su StokrMitar Djuric, a destra, festeggia un punto con Stephen Maar SERVIZIO FOTOEXPRESSLa foto della vittoria a fine match
Il muro perfetto di Stern, Pajenk e Manavi su StokrMitar Djuric, a destra, festeggia un punto con Stephen Maar SERVIZIO FOTOEXPRESSLa foto della vittoria a fine match

Marzio Perbellini Fin troppo facile. Calzedonia passa ai quarti di finale di coppa Cev demolendo i cechi del Liberec in una partita senza storia. Dopo il 3-1 dell’andata vince 3-0 all’AgsmForum e continua il suo cammino in Europa dove, più o meno a metà febbraio (la data non è ancora stata definita), incontrerà, la prima in casa, i francesi del Montpellier. I timori della vigilia sono stati spazzati via dal turno al servizio di Pajenk nel secondo set: lì Verona, che aveva già conquistato una frazione e gliene serviva un’ altra per passare ai quarti, ha scavato il solco che ha messo in cassaforte la partita. Un match dove i gialloblù si sono imposti in tutti i fondamentali, brillando soprattutto in battuta (nonostante abbiano fatto meno ace degli avversari) e a muro. E dove, con la gara in saccoccia, Grbic, nel terzo set, ha dato spazio a tutta la panchina anche per preservare i titolari in vista della sfida di domenica a Ravenna. LA PARTITA. Il primo set, dopo un inizio un po’ confuso e non bellissimo, vede Calzedonia prendere il largo grazie anche all’ottimo servizio di Manavi e Jaeschke (11-8 e 18-12). In entrambi i casi, però, il Liberec riesce a ricucire approfittando di qualche sbavatura di troppo dei gialloblù (18-16). Nel finale, però, emerge Stern, che, con altro buon turno di Manavi dai nove metri, spinge Calzedonia a chiudere il set 25-19. Verona si impone in tutti i fondamentali, soprattutto a muro dove ne mette giù 5 (1 il Liberec). Nel secondo Calzedonia si prende il pass per i quarti. La partita praticamente finisce con il turno al servizio di Pajenk: il Liberec si accartoccia e Verona vola sul 14-3. Da qui in poi non c’è più storia, Grbic dà spazio a Grozdanov e Djuric, in più si rivede Maar dopo una lunghissima assenza. I gialloblù arrivano sul 24-12 e lo scatto d’orgoglio di Stokr è troppo tardivo per salvare la sua squadra che soccombe 25-16. Nel terzo spazio alla panchina. In campo, con Djuric e Maar e Grozdanov, entrati a partita in corso già nel precedente set, anche Marretta. Al quale, a spot, si aggiunge in fase break pure Frigo. Manca soltanto Paolucci, ma solo perché ha mal di schiena e Grbic non lo rischia. Le squadre, senza più nulla da perdere, si rilassano e regalano alcuni scambi molto combattuti e spettacolari per la gioia del pubblico. Si gioca punto a punto e il set finisce 28-26 per Calzedonia che sfrutta anche due errori di fila di Stokr nel finale. 3-0 e festa gialloblù. ORA RAVENNA. Pochi giorni per prendere fiato e poi sotto con la trasferta di domenica in Romagna contro Ravenna, squadra al nono posto in classifica a 27 punti, a due lunghezze dalla coppia Piacenza, Milano a quota 29. È uno dei tre scontri diretti che Calzedonia dovrà affrontare da qui alla fine della regular season in prospettiva play off (gli altri con Piacenza e Milano). E se è vero che la squadra di Fabio Soli al momento è fuori dalla griglia (accederanno ai play off solo le prime otto) è altrettanto vero che la Bunge, soprattutto in casa, è un avversario temibilissimo. All’andata i gialloblù vinsero al tie break alla fine di una autentica battaglia. •

Marzio Perbellini
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento richiede l’utilizzo di un “cookie di dominio” secondo quanto indicato in Informazioni sulla Privacy del sito; l’invio del commento costituisce pertanto consenso informato allo scarico del cookie sul terminale utilizzato.

pagine 1 di 1

Serie A

CLASSIFICHE
RISULTATI
Juventus
95
Napoli
91
Roma
77
Lazio
72
Inter
72
Milan
64
Atalanta
60
Fiorentina
57
Torino
54
Sampdoria
54
Sassuolo
43
Genoa
41
Udinese
40
Chievoverona
40
Bologna
39
Cagliari
39
Spal
38
Crotone
35
Hellas Verona
25
Benevento
21
Cagliari - Atalanta
1-0
Chievoverona - Benevento
1-0
Genoa - Torino
1-2
Juventus - Hellas Verona
2-1
Lazio - Inter
2-3
Milan - Fiorentina
5-1
Napoli - Crotone
2-1
Sassuolo - Roma
0-1
Spal - Sampdoria
3-1
Udinese - Bologna
1-0