19 febbraio 2019

Sport

Chiudi

02.01.2019

Calzedonia pronta per la Lube Servirà un’altra partita al top

Un attacco di Sebastian Solè nel match contro Perugia FOTOEXPRESS
Un attacco di Sebastian Solè nel match contro Perugia FOTOEXPRESS

Dopo l'impresa sfiorata a Perugia, Calzedonia si prepara a un'altra montagna. Domenica sarà a Civitanova per affrontare la corazzata che con Fefè De Giorgi ha rinnovato le sue ambizioni per scalare la classifica. A Calzednia servirà un'altra grande prestazione come quella di Perugia per rosicchiare punti augurandosi che stavolta, nei momenti clou, abbia quella lucidità in più per chiudere i conti. Perché contro la Sir Safety, e va sottolineato che hanno disputato un super match, i gialloblù, prima di cedere al tie break alla fine di una gara combattutissima, hanno avuto, nel quarto set, la palla per vincere 3-1. Malamente sprecata però. E sulla quale il coach Nikola Grbic si è molto arrabbiato. «Se sbagliamo la battuta, anzi la “battutina“, sulla palla match cercando la riga io devo capire cosa ci passa per la testa», dice riferendosi al servizio di Manavi. «Poi magari avrebbero ricevuto bene lo stesso e Leon ci sarebbe passato sopra e ok, ma questo è un altro discorso però almeno facciamogliela guadagnare». E aggiunge: «E poi non siamo riusciti a tenere due battute e sì che ci stiamo lavorando tanto per non subire il punto. E nel momento topico del match, invece, lo abbiamo subito (ace di Podrqascani su De Pandis e palla slash). E non lo accetto. Sono molto dispiaciuto», prosegue, «perché abbiamo avuto la chance per portarci a casa tutta la posta in palio ma non ci siamo riusciti». Ovviamente, Grbic è molto contento della gara dei suoi ragazzi contro la capolista al PalaBarton, palazzetto difficilissimo da espugnare. Ma a fine match, ancora carico di adrenalina, si concentra solo sull’occasione sprecata più che su quanto guadagnato. Senza contare che nel quinto set, dove Calzedonia si è inabissata, ci si è messo pure l’arbitro a favorire gli avversari. Il riferimento è all’attacco di Boyer che ha colpito Leon. «Se uno toglie le mani e si abbassa sotto la rete ma la palla lo colpisce», dice, «da quando io gioco a pallavolo è un primo tocco, non è azione di muro perché è sotto la rete. Poi hanno rigiocato e con l’attacco hanno fatto quattro tocchi. E saremmo andati sul 3-1 e magari le cose sarebbero cambiate. Poi magari avremmo perso lo stesso, non lo so. E meno male», ricorda, «che nel finale del terzo set il secondo arbitro giustamente ha fatto cambiare la decisione del primo». Sul 24-23 per Perugia Atanasijevic attacca fuori, il primo arbitro dà tocco a muro e Perugia festeggia il 2-1. Calzedonia protesta ma ha finito i video check e allora interviene il secondo arbitro e fa cambiare la decisione. Verona va sul 24-24 e poi si aggiudica il set. «Con queste squadre», riprende il coach, «devi sempre dare il massimo anche perché hanno sempre l’aiuto dell’arbitro. Un po’ come nel calcio succede con la Juventus», aggiunge. «Se l’arbitro è in dubbio, decide per la squadra più forte». E infine concede: «Sono molto contento per come abbiamo giocato, contento per Sharifi, per come è stato in campo. Ci sono state tante cose buone in questa partita e mi dispiace solo non averla chiusa». Buone cose che ora bisognerà ripetere a Civitanova. •

Marzio Perbellini
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1

Serie A

CLASSIFICHE
RISULTATI
Juventus
66
Napoli
53
Inter
46
Milan
42
Roma
41
Atalanta
38
Lazio
38
Fiorentina
35
Torino
35
Sampdoria
33
Sassuolo
30
Parma
29
Genoa
28
Cagliari
24
Udinese
22
Spal
22
Empoli
21
Bologna
18
Frosinone
16
Chievoverona
9
Atalanta - Milan
1-3
Cagliari - Parma
2-1
Empoli - Sassuolo
3-0
Genoa - Lazio
2-1
Inter - Sampdoria
2-1
Juventus - Frosinone
3-0
Napoli - Torino
0-0
Roma - Bologna
2-1
Spal - Fiorentina
1-4
Udinese - Chievoverona
1-0