Seguici... Facebook Twitter Google+ Feed RSS
28 maggio 2018

Sport

Chiudi

25.01.2018

Calzedonia, in guardia! Latina non molla mai Sarà un’altra battaglia

Calzedonia chiamata al riscatto dopo il ko contro Trento FOTOEXPRESS
Calzedonia chiamata al riscatto dopo il ko contro Trento FOTOEXPRESS

Marzio Perbellini Arriva Latina e bisogna alzare le antenne. Perché la Taiwan Excellence è un cliente da prendere con le pinze. E Calzedonia lo sa bene visto che contro i laziali in passato ha fatto più di uno scivolone. E ha rischiato di rimetterci l’osso del collo pure nel match di andata in una partita dai mille volti, iniziata benissimo e che ha rischiato di finire con un clamoroso ko. Verona, infatti, avanti 2-0 in scioltezza e con grande carattere, si è spenta all’improvviso e ha subito il ritorno della squadra di Di Pinto che, con l’entrata dell’ex Sasha Starovic (era infortunato e non avrebbe nemmeno dovuto giocare), si è scatenata. Vincendo il terzo e il quarto parziale e volando sul 9-4 nel tie break. A qual punto, quando tutto sembrava perduto, con una serie di clamorosi errori in attacco, Latina ha riaperto la porta ai gialloblù che, dopo avere annullato 4 matchball agli avversari, si sono incredibilmente imposti 19-17 per il sudatissimo 3-2 finale. Tutto questo per dire due cose. Intanto per sottolineare che Latina è una squadra che nonostante la classifica (10a a 22 punti) ha giocatori e risorse per fare bene e per impensierire chiunque. E la Lube lo sa bene visto che si è presa un secco 3-0 all’andata. E poi per ricordare a Calzedonia che tra i vari pregi che ha la squadra capitanata da Daniele Sottile c’è quello di non mollare mai. Incassa quando c’è da prenderle ma non si abbatte facilmente. Anzi. Resta lì ad aspettare che cambi il vento per rimettersi in pista. Un avversario difficile da domare insomma. Calzedonia non dovrà mollare nulla. Dovrà entrare in campo con l’acceleratore giù e alzare il piede solo quando sarà caduto l’ultimo pallone. E d’altra parte i punti in palio sono essenziali per Verona che da una parte deve tenere le inseguitrici a distanza e dall’altra restare incollata a Trento. Non c’è bisogno di ripeterlo per l’ennesima volta, ma la classifica è cortissima e non c’è spazio per passaggi a vuoto. Se Calzedonia coltiva l’obiettivo di chiudere la regular season subito a ridosso delle big, non può e non deve perdere punti per strada né con le dirette concorrenti né con chi sta un po’ più sotto in classifica. •

Marzio Perbellini
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento richiede l’utilizzo di un “cookie di dominio” secondo quanto indicato nella Privacy Policy del sito; l’invio del commento costituisce pertanto consenso informato allo scarico del cookie sul terminale utilizzato.

pagine 1 di 1

Serie A

CLASSIFICHE
RISULTATI
Juventus
95
Napoli
91
Roma
77
Lazio
72
Inter
72
Milan
64
Atalanta
60
Fiorentina
57
Torino
54
Sampdoria
54
Sassuolo
43
Genoa
41
Udinese
40
Chievoverona
40
Bologna
39
Cagliari
39
Spal
38
Crotone
35
Hellas Verona
25
Benevento
21
Cagliari - Atalanta
1-0
Chievoverona - Benevento
1-0
Genoa - Torino
1-2
Juventus - Hellas Verona
2-1
Lazio - Inter
2-3
Milan - Fiorentina
5-1
Napoli - Crotone
2-1
Sassuolo - Roma
0-1
Spal - Sampdoria
3-1
Udinese - Bologna
1-0