Seguici... Facebook Twitter Google+ Feed RSS
14 dicembre 2018

Sport

Chiudi

15.02.2018

Calzedonia esulta, Montpellier s’inchina

Capitan Birarelli vola altissimo a colpire un palloneJean Patry, l’opposto del Montpellier (top scorer del match con 27 punti) contro il muro di Calzedonia SERVIZIO FOTOEXPRESSIl ct azzurro Gianlorenzo Blengini al Forum con Angiolino Frigoni
Capitan Birarelli vola altissimo a colpire un palloneJean Patry, l’opposto del Montpellier (top scorer del match con 27 punti) contro il muro di Calzedonia SERVIZIO FOTOEXPRESSIl ct azzurro Gianlorenzo Blengini al Forum con Angiolino Frigoni

Calzedonia vince 3-1 e festeggia. Ma non è stata una passeggiata, anzi. È stata una gara giocata punto a punto e sempre in bilico. Nei quarti di finale di coppa Cev Verona batte il Montpellier ma deve fare i conti con alcuni cali di tensione che avrebbero potuto costare carissimo e che dovrà assolutamente evitare al ritorno. Prima, però, il bicchiere mezzo pieno: i gialloblù mettono un mattone importante per arrivare in semifinale battendo una squadra arcigna con una super prestazione di Pajenk che fa 5 muri su un totale di 13. Poi c’è il bicchiere mezzo vuoto: il secondo si chiude solo grazie a un doppio regalo degli avversari, il terzo Calzedonia lo getta alle ortiche e il quarto avrebbe potuto vincerlo molto prima. A questo punto della stagione le defaillances sono pericolose perché potrebbero compromettere quanto di buono la squadra sa fare. Ogni passo falso, ora, rischia di costare caro. LA PARTITA. Calzedonia parte male e contratta. I francesi ne approfittano e si portano avanti (8-9), merito di Patry e Dalgado molto ispirati. Per Verona solo Jaeschke in attacco (50%) sembra avere la verve giusta mentre Pajenk è decisivo a muro (ne fa 4 su 6). Nel finale, però, i gialloblù, dopo aver a lungo protestato per un ace negato a Manavi, si rianimano, agganciano, superano e chiudono alla seconda occasione grazie a una difesa super di Pesaresi e a un attacco di Jaeschke per il 26-24. Il secondo è un set combattutissimo seppur con due squadre che faticano molto al servizio e in attacco (32%). Si gioca punto a punto fino al finale quando il Montpellier ha due chance per pareggiare il conto dei set. Il primo lo ottiene perché l’arbitro fischia un’invasione (inesistente?) ai gialloblù e il secondo su errore di Pajenk al servizio. Calzedonia è in difficoltà ma riesce ad agganciare gli avversari con Manavi, fino a quel momento incisivo solo al servizio, e che attacca un pallone difficilissimo (25-25). Poi due regali del Montpellier: Cedic prima spara fuori e poi, incredibilmente, non si intende con Saitta. Verona ringrazia e va sul 27-25 che vale il 2-0. Calzedonia getta il terzo set alle ortiche. Dopo aver sempre condotto di uno, due punti, con un servizio che non fa mai male, finalmente però, a fatica, allunga sul 19-16 con il muro di Pajenk su Patry. Sembra fatta. Sbagliato. Verona si rilassa e il Montpellier con ha inserito Bassereau (75%) per Panou, la punisce. Con Delgado in battuta va sul 19-20 e poi innesca Patry che non sbaglia più nulla. Mentre i gialloblù con Jaeschke offuscato e Maar in campo al posto di Manavi, pasticciano in ricezione, difesa e sprofondano in contrattacco per il 22-25 finale. Nel quarto set Verona ritorna in campo aggressiva a parte subito bene arrivando fino al 20-15. Poi qualcosa si inceppa, al servizio e in attacco, con Jaeschke e Maar che chiudono fuori due palle facili. Il Montpellier risorge ancora una volta attaccandosi al suo opposto Patry e, con il pallonetto fuori misura di Maar, arriva al 23-22. Grbic, in panchina, è furioso. Ci pensano Birarelli e Jaeschek a tranquillizzarlo e a chiudere 25-22 per il 3-1 finale. •

Marzio Perbellini
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1

Serie A

CLASSIFICHE
RISULTATI
Juventus
43
Napoli
35
Inter
29
Milan
26
Lazio
25
Torino
22
Atalanta
21
Roma
21
Sassuolo
21
Parma
21
Sampdoria
20
Fiorentina
19
Cagliari
17
Empoli
16
Genoa
16
Spal
15
Udinese
13
Bologna
11
Frosinone
8
Chievoverona
3
Cagliari - Roma
2-2
Empoli - Bologna
2-1
Genoa - Spal
1-1
Juventus - Inter
1-0
Lazio - Sampdoria
2-2
Milan - Torino
0-0
Napoli - Frosinone
4-0
Parma - Chievoverona
1-1
Sassuolo - Fiorentina
3-3
Udinese - Atalanta
1-3