Seguici... Facebook Twitter Google+ Feed RSS
21 luglio 2018

Spettacoli

Chiudi

08.02.2017

Balivo contro
la sexy Leotta
Interviene Maria

«Nel 2017 mi vesto come mi pare. Concentrarsi sull’abito e non sul suo messaggio è come dire che è giusto che ti violentino perché hai la minigonna. Non diamo spazio a queste polemiche: è come tornare indietro nel tempo». Maria De Filippi difende la giornalista di Sky Diletta Leotta, che ieri è salita sul palco dell’Ariston per parlare di cyber-bullismo ed è finita nel mirino degli haters per l’abito osè e le mosse ammiccanti e oggetto di una critica di Caterina Balivo che ha twittato:«Non puoi parlare della violazione della #privacy con quel vestito e con la mano che cerca di allargare lo spacco della gonna».

 

Anche Carlo Conti è dalla parte della giovane giornalista: «ha detto ciò che doveva dire nel modo giusto». «Forse c’erano altri motivi fra loro. Siamo nel 2017, io mi vesto come voglio e parlo di cosa voglio. Magari c’erano delle cose pregresse. La Balivo è una donna intelligente, escludo pensi che per parlare di un certo argomento ci voglia un determinato abito», ha aggiunto la De Filippi. 

 

Poco fa, sempre su Twitter, il dietro front della Balivo che pubblica la foto di un testo: «Non sono nessuno per criticare l'atteggiamento di un'altra donna...Se ho offeso qualcuno, mea culpa». E prosegue: «Sono molto dispiaciuta perché se c'è una che qui in trasmissione cerca di "pompare" le donne, sono io. Sono cresciuta con quattro donne in casa. Mi dispiace tantissimo». A corredo della foto scrive: «Caso chiuso». Sarà così? Sanremo non è Sanremo senza polemiche...

Correlati

Articoli da leggere

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento richiede l’utilizzo di un “cookie di dominio” secondo quanto indicato in Informazioni sulla Privacy del sito; l’invio del commento costituisce pertanto consenso informato allo scarico del cookie sul terminale utilizzato.

pagine 1 di 1