Seguici... Facebook Twitter Google+ Feed RSS
25 maggio 2017

Spettacoli

Chiudi

20.03.2017

In onda i pregiudizi
sulle donne dell'Est
Rai chiude lo show

Il cartello andato in onda su Rai 1
Il cartello andato in onda su Rai 1

Polemiche in rete per il cartello mandato in onda dalla televisione pubblica a «Parliamone sabato», rubrica di «La vita in diretta» di Perego.

Va in onda un servizio dal titolo «Gli uomini preferiscono le straniere» con una grafica che illustra il perché gli italiani preferirebbero le donne dell'Est: fra le «qualità» elencate il fatto che «non frignano» e «perdonano il tradimento», oltre quello di essere «casalinghe nate». 

 

LE SCUSE DELLA RAI

Su twitter l'hashtag #ParliamoneSabato diventa un trend ed è lì che arrivano  le scuse del direttore di Rai 1 Andrea Fabiano: «Gli errori vanno riconosciuti sempre, senza se e senza ma. Chiedo scusa a tutti per quanto visto e sentito a #Parliamonesabato».

Per la presidente della Rai Monica Maggioni: «Questa è una rappresentazione surreale dell’Italia del 2017: se poi questo tipo di rappresentazione viene fatta sul servizio pubblico è un errore folle, inaccettabile». E aggiunge: «Personalmente mi sento coinvolta in quanto donna, mi scuso».

 

 

CHIUSO IL PROGRAMMA. La Rai ha deciso la chiusura di Parliamone sabato. Lo annuncia una nota ufficiale di Viale Mazzini, dopo il vespaio di polemiche sollevato dalla puntata del programma pomeridiano di Rai1 in cui si è discusso dei motivi per i quali scegliere una fidanzata dell’Est. «Gli errori si fanno, e le scuse sono doverose, ma non bastano», dichiara il Direttore Generale della Rai Antonio Campo Dall’Orto, parlando di «contenuti che contraddicono la mission di servizio pubblico».

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento richiede l’utilizzo di un “cookie di dominio” secondo quanto indicato nella Privacy Policy del sito; l’invio del commento costituisce pertanto consenso informato allo scarico del cookie sul terminale utilizzato.

pagine 1 di 1