Seguici... Facebook Twitter Google+ Feed RSS
18 ottobre 2017

Spettacoli

Chiudi

30.08.2017

Emozione Dal Zovo
«Non immaginavo
di esibirmi in Arena»

Dal Zovo nei panni di Angelotti FOTO BRENZONI
Dal Zovo nei panni di Angelotti FOTO BRENZONI

 

Si conclude un’altra estate di successi per Romano Dal Zovo, classe 1984, promessa tutta veronese della lirica.

Il giovane basso di Vestenanova tra un atto e l’altro di Tosca si racconta sorridente e imponente nei panni di Angelotti, con un pesante trucco di scena.

«Cantare mi è sempre piaciuto», dice, «e in casa tutti abbiamo sempre fatto parte di cori e cantato durante le feste. Poi un amico mi ha detto: perché non inizi a studiare canto per davvero? E io ho accettato la sfida». Dopo aver iniziato lo studio, ha lasciato il suo lavoro come metalmeccanico in un’azienda per dedicarsi alla lirica, dapprima come corista nelle opere. Per lui il grande salto è arrivato nel 2011, con il debutto da solista. E da allora Dal Zovo ha iniziato a viaggiare, esibendosi in diversi teatri italiani e internazionali.

In questa stagione 2017 ha rivestito anche i ruoli di Gran Sacerdote di Belo in Nabucco e del Re in Aida. Sposato con una cantante, un bimbo piccolo, la sua vita è davvero cambiata: «Comunque è importante crearsi una routine, anche se gli orari sono diversi da quelli che avevo prima».

Vale la pena, insomma, fare qualche sacrificio, ma per Dal Zovo cantare non è una fatica: «Studio molte ore e mi dedico anche al riposo, è fondamentale staccare dalle tensioni».

E si prepara a nuovi traguardi: «Finora ho fatto sempre ruoli secondari, e ascolto i miei maestri: loro mi guidano e mi raccomandano sempre di essere prudente». Ma la passione c’è, ed è forte.

«Il rischio più grande è di immedesimarsi nei ruoli che si interpretano. Angelotti, per esempio, mi piace molto: è un uomo forte che si ribella a un potere precostituito. Se ci si lascia prendere troppo dai personaggi, succede di lasciarsi trasportare e correre il pericolo di rompere qualche suono». Servono nervi saldi, dunque, e Dal Zovo ne è consapevole: «Non avrei mai immaginato di esibirmi qui, in Arena. E quando si sta per entrare in scena ci si deve preparare a dare il meglio. Mi ritengo davvero un eletto».

Silvia Allegri
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento richiede l’utilizzo di un “cookie di dominio” secondo quanto indicato nella Privacy Policy del sito; l’invio del commento costituisce pertanto consenso informato allo scarico del cookie sul terminale utilizzato.

pagine 1 di 1