20 febbraio 2019

Spettacoli

Chiudi

11.02.2019

La Traviata, Nucci maestro
nell’interpretare Verdi

La traviata in scena in questi giorni al Teatro alla Scala riprende il meraviglioso allestimento del 1990 con la regia di Liliana Cavani e le scene di Dante Ferretti, ma è memorabile anche per la presenza di Leo Nucci. Il baritono, capace più di ogni altro di dar vita al ruolo di Rigoletto, con il quale debuttò per la prima volta al Teatro Salieri di Legnago il 19 maggio del 1973, è qui nei panni del padre di Alfredo. E la sua interpretazione è un momento indimenticabile di grande teatro, ma anche di immensa musica. Nucci, dopo oltre cinquantanni di carriera, ha ancora un sovrano dominio della materia musicale verdiana. Per esempio è inarrivabile in «Un dì quando le veneri», mentre con passo felpato, quasi legato, proferisce le sillabe dell’esortazione a Violetta di pensare a ciò che accadrà quando, finita la passione, non sarà più giovane. L’intenzione di Verdi, di esprimerla con rispetto e delicatezza, si svela e viene resa vera. Una grande lezione interpretativa con indicibili sfumature dinamiche, gesti impercettibili, ma tali da rivelare il suo continuo intereagire con la situazione drammatica. Sono «vaghezze e leggiadrie che non si possono scrivere, e scrivendole non s’imparano da gli scritti» come intuì il primo operista Jacopo Peri. Così è intramontabile questo allestimento, emblema stesso della storia del Teatro alla Scala. Un particolare per tutti: il buen retiro di Violetta e Alfredo nel secondo atto è molto simile alle dimore di campagna dove ci si recava per seguire i raccolti, la massima espressione della rilassata eleganza, tutta italiana.

Elena Biggi Parodi

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1