Seguici... Facebook Twitter Google+ Feed RSS
10 dicembre 2018

Spettacoli

Chiudi

03.12.2018

Bruno Cagli e l'importanza
delle trascrizioni moderne

È scomparso il musicologo Bruno Cagli. Direttore artistico della Fondazione Rossini di Pesaro, che ricoprì un ruolo importante nella riscoperta di Gioacchino Rossini. Le opere di Rossini, come è noto, furono un fenomeno internazionale che ha infiammato il mondo occidentale per un trentennio, dal 1813 al 1829, anno di composizione del Gugliemo Tell, la sua ultima opera. Poi la produzione del geniale compositore italiano fu sopraffatta dall'opera romantica. Gli sprazzi di pura attività cerebrale della sua musica soppiantati dai lunghi archi melodici, dalle melodie che fanno sanguinare il cuore. Quando nel 1968 ci fu il primo anniversario rossiniano si può dire che la conoscenza delle opere del cigno di Pesaro si limitava al solo al Barbiere di Siviglia. Nel caso di Rossini, come per esempio di Salieri, di ciascuna opera sopravvivono diversi testimoni, per cui per scegliere la versione da eseguire è necessario una lavoro preliminare di edizione critica. Inoltre le orchestre moderne non possono leggere le partiture del passato, per cui è necessario realizzare una trascrizione moderna. Bruno Cagli con Alberto Zedda e Philipp Gossett sono stati i pionieri che hanno perseguito il sogno di restituire al pubblico la produzione rossiniana in edizione critica. Poi hanno realizzato il collegamento con il Rossini Opera Festival, che mette in scena l'opera così restaurata per realizzare e rodare immediatamente dal vivo il lavoro svolto. Un caso unico nel panorama musicale, che dovrebbe costituire il modello per Salieri e per tutti i compositori caduti nell'oblio.

Elena Biggi Parodi

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1