Seguici... Facebook Twitter Google+ Feed RSS
17 dicembre 2018

Spettacoli

Chiudi

08.10.2018

Yoko Ono celebra Lennon «Anniversario simbolico»

John Lennon e Yoko Ono all’Hilton Hotel di Amsterdam nel 1969
John Lennon e Yoko Ono all’Hilton Hotel di Amsterdam nel 1969

ROMA Di solito gli anniversari si celebrano quando c’è una cifra tonda da festeggiare: Yoko Ono, che del disprezzo delle regole e del conformismo ha fatto una regola di vita, ha deciso di lanciare una campagna celebrativa dedicata a John Lennon che corrisponde ad alcune date simboliche: domani, martedì nove ottobre, giorno in cui Lennon avrebbe compiuto 78 anni, uscirà «Imagine Yoko Ono», un libro, curato da Yoko, che racconta, anche attraverso i ricordi personali di chi ha partecipato a quell’evento, la genesi di «Imagine», l’album leggendario da cui, un mese dopo la sua pubblicazione, fu tratto il singolo, pubblicato l’11 ottobre 1971, con una delle canzoni più famose ed evocative di sempre. Contemporaneamente arriverà nei negozi «Imagine - The Ultimate Collection», un cofanetto di quattro cd e due Blu-Ray che racconta la genesi del secondo album solista di John dopo lo scioglimento dei Beatles: ci sono il disco originale, quello rimixato, le tracce di inediti, le prime versioni e perfino una versione in quadrifonia. A completare il programma, oggi, domani e mercoledì nelle sale cinematografiche si potrà vedere «Imagine», il film diretto nel 1972 da John e Yoko, in versione restaurata con 15 minuti di contenuti inediti, che racconta la genesi dell’album canzone per canzone attraverso video musicali in cui, oltre a Phil Spector, che ha prodotto l’album, compaiono guest star come Fred Astaire, George Harrison, Andy Warhol, Dick Cavett, Jack Palance. Ci sono poi filmati in studio con John e la band, con George Harrison, Nicky Hopkins, Alan White e Klaus Voormam. E a proposito di omaggi anche Barbra Streisand ha inserito «Imagine» nel suo nuovo album in uscita il due novembre. Dopo aver subito commenti razzisti (la chiamavano la ragazza gialla oppure occhi a mandorla) e, soprattutto, dopo aver sopportato per anni insulti e minacce perchè veniva considerata la donna che ha distrutto i Beatles, Yoko Ono, che porta con una disinvoltura straordinaria i suoi 85 anni, si è riappropriata del suo ruolo di musa. In fondo l’inno pacifista più famoso di sempre è anche opera sua come è stato riconosciuto tardivamente anche da Lennon: nel 1967 Yoko aveva regalato a quello che sarebbe diventato l’amore della sua vita, una raccolta di poesie, intitolata «Grapefruit» e pubblicata nel 1964, dove c’è un testo che ha ispirato «Imagine». •

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1