Seguici... Facebook Twitter Google+ Feed RSS
17 luglio 2018

Spettacoli

Chiudi

10.01.2018

Una «due giorni» dedicata al Progetto Bach

La pianista Maria Perrotta
La pianista Maria Perrotta

Inizierà domani alle 19, la “due giorni” dedicata dal Teatro Ristori al Progetto Bach e proseguirà, per concludersi, sabato 13 alla stessa ora. Una “due giorni” che ha in cartellone una quadruplice esecuzione delle celebri Variazioni Goldbergh del grande autore tedesco. Nel concerto di domani si cimenteranno infatti il clavicembalista padovano Roberto Loreggian e di seguito, alle 20.30, il Trio Leonardo (arpa, flauto, viola) nella rielaborazione del brano compiuta da Andrea Cipriani. Quello invece di sabato 13 sarà aperto alle 19 dalla pianista Maria Perotta e proseguirà alle 20.30 con I Virtuosi Italiani, impegnati nella trascrizione per orchestra d’archi operata dal violinista Dmitry Sitkovetsky che pure ne assumerà la direzione. Ad integrare la serata bachiana, I Virtuosi Italiani eseguiranno anche il Concerto per violino in la minore BWV 1041 e il Concerto per due violini in re minore BWV 1043 ai quali in veste di solisti parteciperanno lo stesso Sitkovetsky e Alberto Martini. Roberto Loreggian è diplomato in organo e clavicembalo. Si è perfezionato al Conservatorio de L’Aja con Ton Koopman. La sua attività di concertista lo ha visto esibirsi in sale importanti, dal Parco della Musica di Roma, alla Sala Verdi di Milano ed all’estero. Ha registrato per numerose case discografiche: Chandos, Decca, Tactus, Arts, Brillant, Harmonia Mundi. Segnalati dalla critica internazionale i suoi integrali di Frescobaldi, Andrea e Giovanni Gabrieli, Galuppi, Pasquini. Insegna al Conservatorio Pollini di Padova. Maria Perrotta si è affermata in importanti concorsi, come il Shura Cherkassky e il Bach di Saarbrȕcken che l’hanno imposta subito sulla scena pianistica internazionale come una significativa interprete bachiana. Fra i suoi recenti impegni, il Clavicembalo ben temperato di Bach ed il Quarto Concerto di Beethoven con la Filarmonica Toscanini diretta da Antoni Wit, nonché una tournée in Francia e Italia con un programma interamente dedicato a Chopin. Cosentina di nascita, si è diplomata al Conservatorio di Milano, all’Accademia di S. Cecilia di Roma. • G.V.

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento richiede l’utilizzo di un “cookie di dominio” secondo quanto indicato in Informazioni sulla Privacy del sito; l’invio del commento costituisce pertanto consenso informato allo scarico del cookie sul terminale utilizzato.

pagine 1 di 1