Seguici... Facebook Twitter Google+ Feed RSS
21 ottobre 2018

Spettacoli

Chiudi

06.10.2018

Simone Piazzola re di Spagna alla Scala

Dopo Luca Salsi, che è stato Don Carlo nelle prime due recite milanesi di «Ernani» (e che tornerà a cantarlo il 9 e il 18 ottobre), stasera tocca a Simone Piazzola interpretare il re di Spagna (parte che riprenderà anche nelle recite del 13, 22 e 25 ottobre) sul palco del Teatro alla Scala. Una tappa cruciale nell’ambito della sua carriera non tanto per la prestigiosa cornice (dove il baritono veronese canta regolarmente da anni), quanto per il debutto in un ruolo che Piazzola non ha mai fatto mistero di desiderare assai e che ora può finalmente aggiungere alla schiera dei propri personaggi verdiani. D’altra parte, l’ultimo Don Carlo scaligero (nell’edizione di «Ernani» del 1982, ideata da Luca Ronconi e diretta da Riccardo Muti) è stato il suo maestro Renato Bruson. Al fianco di Piazzola, Francesco Meli (Don Giovanni d’Aragona, alias Ernani), Ildar Abdrazakov (Don Ruy Gomez de Silva), Ailyn Pérez (Elvira), Daria Chernyi (Giovanna), Matteo Desole (Don Riccardo) e Alessandro Spina (Jago). Sul podio ci sarà Ádám Fischer, mentre l’allestimento è firmato da Sven-Eric Bechtolf con scene di Julian Crouch, costumi di Kevin Pollard, luci di Marco Filibeck, video design di Filippo Marta e coreografie di Lara Montanaro. Terminato «Ernani», altri due importanti appuntamenti attendono Piazzola alla Scala: il baritono veronese parteciperà al recital del 2 dicembre,durante il quale, accompagnato dal pianista James Vaughan, metterà la propria voce al servizio di Francesco Paolo Tosti, Giuseppe Verdi e Vincenzo Bellini. Sarà in scena poi per la grande inaugurazione del 7 dicembre, dove farà parte del cast di «Attila» (in scena fino all’8 gennaio 2019). Nell’opera verdiana, diretta da Riccardo Chailly con regia di Davide Livermore, Piazzola sarà Ezio (parte in cui ha esordito nel 2016 al Comunale di Bologna), l’ambizioso generale romano che, sdegnato sia dal rifiuto di Attila (interpretato ancora dal basso Abdrazakov) di allearsi con lui, sia dalla tregua imposta dall’imperatore Valentiniano, decide di annientare il condottiero unno. •

Angela Bosetto
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1