Seguici... Facebook Twitter Google+ Feed RSS
25 maggio 2017

Spettacoli

Chiudi

17.03.2017

Quattro Ouverture per l’Ensemble Zefiro

Alfredo Bernardini, oboe barocco. È tra i fondatori dello Zefiro
Alfredo Bernardini, oboe barocco. È tra i fondatori dello Zefiro

Saranno quattro Ouverture-Suite di Bach a costituire il programma di sala del concerto Bach Experience II, previsto al Teatro Ristori per stasera alle 20.30, con la partecipazione del famoso Ensemble Zefiro. Si tratta delle Ouverture-Suite che prevedono l’intervento degli oboi e dei fagotti barocchi, strumenti che hanno determinato anche la fondazione dello stesso Zefiro, promossa dal direttore romano e oboista Alfredo Bernardini e dai fratelli mantovani Grazzi, di cui Alberto è al fagotto e Paolo all’oboe.

Le Ouverture-Suite in causa sono, la prima in do maggiore BWV 1066, che utilizza i due oboi ed il fagotto come un concertino, con carattere di concerto grosso, mentre la quarta BWV 1069, in re maggiore, contrappone il gruppo degli archi alle tre trombe con timpani e ai tre oboi con fagotto, in una forma simile alla sinfonia da concerto con una fuga interposta tra i due movimenti.

La suite in re maggiore BWV 1068 contiene poi la famosa aria resa celebre nella trascrizione per violino e chiamata “sulla quarta corda”, il sol. A completamento della serata, visto l’identico organico di fiati di cui è composta, è stata inserita anche l’ouverture dalla Cantata BWV 194 “Hȍchsterwȕnschtes Freudenfest”.

Il programma di sala al Ristori fa parte dell’ultimo cd pubblicato dallo Zefiro che ha riscosso finora un notevole interesse da parte della critica. Il complesso, fondato 28 anni fa a Mantova dai tre strumentisti, ha un organico variabile, specializzato nel repertorio settecentesco in cui i fiati occupano un ruolo di primo piano. Lo Zefiro è stato utilizzato anche per riprese di documentari televisivi -quello su Vivaldi dalla TV belga- e per opere teatrali. I fratelli Gazzi sono noti a Verona per aver ricoperto le rispettive docenze al Conservatorio Dall’Abaco, mentre Alfredo Bernardini, oltre che suonare, dirige lo Zefiro in formazione orchestrale e insegna in corsi estivi a Urbino, Venezia, Innsbruck. g.v.

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento richiede l’utilizzo di un “cookie di dominio” secondo quanto indicato nella Privacy Policy del sito; l’invio del commento costituisce pertanto consenso informato allo scarico del cookie sul terminale utilizzato.

pagine 1 di 1