Seguici... Facebook Twitter Google+ Feed RSS
24 aprile 2018

Spettacoli

Chiudi

13.04.2018

Mariah Carey allo scoperto «Soffro di disturbo bipolare»

Mariah Carey
Mariah Carey

Ha venduto la bellezza di 200 milioni di dischi, è miliardaria, ma la malattia di cui soffre a lungo l’ha resa insoddisfatta e depressa. Mariah Carey soffre di un disturbo bipolare, una condizione di salute mentale che provoca sbalzi d’umore estremi. A rivelarlo è la stessa cantante al settimanale statunitense People, raccontando che nel 2001, dopo essere stata ricoverata in ospedale per una crisi fisica e mentale, ha avuto finalmente la diagnosi. «Per molto tempo pensavo di avere un grave disturbo del sonno», spiega la cantante, «ma non era normale insonnia e non stavo sveglia a contare le pecore. Lavoravo, lavoravo e lavoravo… Ero irritabile. Mi sentivo così sola e triste, e anche colpevole di non aver fatto tutto ciò che dovevo per la mia carriera». L’errore è stato cercare di cavarsela da sola. «Il disturbo bipolare può far sentire incredibilmente isolati. Ma adesso mi rifiuto di lasciarmi definire o controllare dalla malattia». Non è stato facile prendere atto della sua patologia. «Fino a poco tempo fa vivevo nell’isolamento e nella costante paura di essere esposta da qualcuno», ha detto. «Era un peso troppo pesante da portare e semplicemente non potevo più farlo. Ho cercato e ricevuto cure, mi sono circondata di persone positive e sono tornata a fare ciò che amo, scrivere canzoni e fare musica». Continua Carey: «Adesso sono in cura, seguita dagli specialisti e sto assumendo farmaci che funzionano bene. Non mi fanno sentire troppo stanca o pigra e neppure troppo agitata. Trovare il giusto equilibrio è la cosa più importante». •

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento richiede l’utilizzo di un “cookie di dominio” secondo quanto indicato nella Privacy Policy del sito; l’invio del commento costituisce pertanto consenso informato allo scarico del cookie sul terminale utilizzato.

pagine 1 di 1