Seguici... Facebook Twitter Google+ Feed RSS
24 settembre 2017

Spettacoli

Chiudi

11.09.2017

Le cantine regno del jazz
Ma apre il soul dei Ridillo

Roberto Gatto si esibirà alle Cantine dell’Arena il 7 novembreMichel Benita
Roberto Gatto si esibirà alle Cantine dell’Arena il 7 novembreMichel Benita

A partire da ottobre le Cantine de l’Arena torneranno ad animare gran parte della serate invernali con un nutrito programma di blues e world music, ma soprattutto di jazz. Nel locale sotterraneo di piazzetta Scalette Rubiani la programmazione è scandita da appuntamenti settimanali a giorni fissi che prevedono il jazz dal vivo il martedì sera (alle 22) e poi il rock, il funk, il jazz-rock, il folk e la musica di intrattenimento il venerdì (alle 22.30) e la domenica (dalle 19).

Il concerto inaugurale sarà il 6 ottobre con i Ridillo, celebre formazione che torna alle Cantine con l’inconfondibile pop soul. La prima domenica di musica dal vivo (8 ottobre) ospiterà Silva Fortes, la cantante di origini capoverdiane che è stata concorrente di X Factor 2016.

Il ciclo di jazz sarà inaugurato dalla nuova proposta della Lydian Sound Orchestra (10 ottobre) che suonerà un repertorio interamente dedicato a Thelonious Monk a cent’anni dalla nascita. Dopo il folk rock dei Drivewheel (13 ottobre) e il funk jazz dei Freefunk Collective (15 ottobre), martedì 17 alle Cantine fa tappa Eric Reed, pianista che, tanto per dare un’idea, compare in cinque dischi a nome di Wynton Marsalis. Sarà assieme a Piero Odorici (sax), Dezron Douglas (contrabbasso) e Willie Jones (batteria) per un omaggio a Coleman Hawkins.

Venerdì 20 tornano la cantante Stephanie Ocean Ghizzoni e gli Alligator Nails, per una serata di blues dal delta del Mississippi, mentre domenica (il 22) ci saranno i Funk Connection con il batterista di Jovannotti, Gareth Brown. Dopo il jazz del batterista parigino Guilhem Flouzat (il 24), il 27 si ascolta l’electro pop e il funk del Diamonds Trio mentre il 29 il promette bene il trio di Emilia Martensson (voce), Fulvio Sigurtà (tromba), Luca Boscagin, chitarrista veronese che qualche anno fa si è trasferito a Londra.

Ottobre si chiuderà il 31 con la classica ciliegina sulla torta visto che è atteso il noto contrabbassista francese Michel Benita: un musicista che da Archie Shepp e Peter Erskine ha suonato dal vivo e registrato con tutti i più grandi del jazz internazionale.

Nel programma di novembre spiccano alcuni nomi di punta della scena jazz. Martedì 7 c’è il nuovo quartetto del batterista romano Roberto Gatto, musicista con una fulgida carriera dietro a piatti e tamburi che ha suonato con decine di grandi leader.

Il 14 sarà nel locale un altro batterista di alto livello, Ferenc Nemeth, che nella sua carriera ha collezionato registrazioni con Herbie Hancock, John Patitucci, Bud Shank e Terence Blanchard. Il 21 The Wire Quartet ospita Chris Cheek, uno dei tenorsassofonisti più apprezzati nell’America del jazz come dimostrano le sue registrazioni con Paul Motian e Charlie Haden. Alle Cantine sarà con Luca Mannutza al piano, Lorenzo Conte al contrabbasso e Anthony Pinciotti alla batteria. Da tener presente anche la data del 28 novembre quando è in programma il trio del pianista di Brooklyn Richard Sears. Insomma, buona musica da ascoltare.

Luigi Sabelli
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento richiede l’utilizzo di un “cookie di dominio” secondo quanto indicato nella Privacy Policy del sito; l’invio del commento costituisce pertanto consenso informato allo scarico del cookie sul terminale utilizzato.

pagine 1 di 1