Seguici... Facebook Twitter Google+ Feed RSS
18 luglio 2018

Spettacoli

Chiudi

10.07.2018

La Rua, new folk per la Generazione 3.0

Il gruppo pop folk marchigiano La Rua
Il gruppo pop folk marchigiano La Rua

MILANO È un lavoro di squadra il nuovo EP firmato dai La Rua e in uscita oggi con il titolo di «Nessuno segna da solo». La band, tra i protagonisti due anni fa del talent tv Amici, ha stilato per l’occasione una scaletta di cinque brani tra il pop e il folk, che comprende anche il singolo che ha anticipato il lavoro al completo, «I 90», inno generazionale dedicato agli anni Novanta (vissuti attraverso i racconti dei fratelli maggiori). «Abbiamo lavorato come fossimo una vera factory», ha detto Daniele Incicco, cantante e paroliere del gruppo», per trovarci sotto un’unica bandiera, la nostra». Un titolo manifesto sul lavoro fatto negli ultimi anni come band e come vero e proprio gruppo con l’obiettivo di scrivere canzoni. «Il titolo dell’album è un messaggio al quale teniamo molto», ha spiegato ancora Incicco. «Ogni volta che si comincia a cercare l’individualismo a tutti i costi, ci si rende conto che il collettivo è invece l’unica strada. L’essere umano è nato per stare in gruppo e noi portiamo avanti i nostri messaggi ostinatamente come band». «Nessuno segna da solo» è il terzo lavoro della formazione marchigiana e i nuovi brani nascono dalle parole di Incicco che incontrano le note suonate da William D’Angelo (chitarre), Davide Fioravanti (pianoforte, fisarmonica, glockenspiel), Nacor Fischetti (batteria, effetti), Alessandro Mariani (chitarre, banjo) e Matteo Grandoni (contrabbasso, basso), ai quali si sono affiancati la penna di Dario Faini, che ha contribuito a completare la scrittura dei brani, Alessandro Raina e anche Elisa, conoscenza dei tempi di «Amici» e che per La Rua ha prodotto il brano «Motivi di insicurezza». «Abbiamo affrontato una ricerca musicale di un anno e mezzo», ha spiegato la voce del gruppo, «che ci portasse a qualcosa di nuovo, con un occhio rivolto all’estero e per un suono 3.0. Non abbiamo abbandonato il new folk con il quale siamo nati ma siamo approdati anche a qualcosa di diverso. L’album precedente l’abbiamo dovuto realizzare in sette giorni, appena usciti da Amici; stavolta ci siamo presi tutto il tempo che ci serviva. Il talent è stata una palestra dove abbiamo lavorato tutti i giorni per un anno intero. Abbiamo raggiunto il grande pubblico in poco tempo e oggi dobbiamo confermare le attese». •

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento richiede l’utilizzo di un “cookie di dominio” secondo quanto indicato in Informazioni sulla Privacy del sito; l’invio del commento costituisce pertanto consenso informato allo scarico del cookie sul terminale utilizzato.

pagine 1 di 1