Seguici... Facebook Twitter Google+ Feed RSS
18 ottobre 2018

Spettacoli

Chiudi

05.08.2018

Il mito di Freddie Mercury rivive sul grande schermo

Bohemian Rhapsody sarà al cinema in Italia dal 29 novembre
Bohemian Rhapsody sarà al cinema in Italia dal 29 novembre

ROMA Solo all’inizio c’è un po’ di fastidio: non si tocca Freddie Mercury! Ma poi ci si abitua alla faccia di Rami Malek e, anche grazie alla musica degli intramontabili Queen, quasi ci si dimentica che stiamo assistendo a un film. «Bohemian Rhapsody» di Bryan Jay Singer, che approderà nelle sale cinematografiche dal 29 novembre con la 20th Century Fox Italia, insomma non delude, almeno in quelle poche scene viste in anteprima. Il fatto è che raccontare una leggenda del rock ha giustamente fatto tremare i polsi a chi generazionalmente è lontano da quell’epoca proprio come Malek, oggi 37enne, che nel 1991, quando morì Mercury, aveva solo dieci anni. «Quando mi hanno scritturato», racconta l’attore nato a Los Angeles da una famiglia di origini egiziane, «ho pensato: «Questo potrebbe essere il ruolo che definirà la mia carriera. Due minuti dopo però ci ho pensato ancora e mi sono detto: mio Dio, potrebbe rovinarmela per sempre». Per Malek si tratta poi della prima volta come protagonista ed è arrivato a questo ruolo in una produzione a dir poco tempestosa. Nei panni di Freddie Mercury ci sarebbe dovuto essere prima Sacha Baron Cohen che poi rinuncia, un forfait dato dall’attore sembra per divergenze con la band dei Queen. Poi è la volta di Ben Whishaw, con la regia affidata a Dexter Fletcher. Ma entrambi per motivi diversi e non troppo chiari a un certo punto rinunciano. E non finisce qui. Nel dicembre 2017 la Fox fa sapere che il regista designato Bryan Singer sarebbe stato licenziato per assenza ingiustificata, ma poi torna sui suoi passi e riconferma Singer. È facile immaginare che dietro tutte queste tempeste e ripensamenti ci sia il taglio da dare al biopic. Vale a dire fino a che punto spingere nel realismo della vita di un artista selvaggio, come Freddie Mercury, diviso tra omosessualità e uso di droghe. Il film ripercorre comunque quindici anni della band londinese, dagli anni Settanta, con l’unione tra Mercury, Brian May e Roger Taylor (Gwilym Lee e Ben Hardy nel film), fino al celeberrimo Live Aid del 1985, sei anni prima della scomparsa del cantante, che ha lasciato milioni di fan nel lutto. •

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1