Seguici... Facebook Twitter Google+ Feed RSS
15 dicembre 2017

Spettacoli

Chiudi

11.10.2017

Gran finale con Vivaldi, Bach e Handel

L’ensemble Interpreti italiani in Sala Morone FOTO BRENZONI
L’ensemble Interpreti italiani in Sala Morone FOTO BRENZONI

Si è conclusa alla presenza di un pubblico molto numeroso la quindicesima rassegna “I concerti del lunedì” in Sala Morone nella chiesa di San Bernardino con l’ensemble Interpreti italiani, formato dai violinisti Roberto Baraldi, Bruno Donà e Martina Lazzarini, il violista Andrea Maini, i violoncellisti Francesco Ferrarini e Giordano Pegoraro, il contrabbassista Paolo Ferrarini e l’organista Loberto Loreggian.

Il programma della serata, piuttosto lungo, comprendeva cinque concerti solistici di Vivaldi, Handel e Bach e, di quest’ultimo, anche la terza Suite per orchestra BWV 1068 in una versione per soli archi.

Le scelte effettuate da Ferrarini e compagni sono state in verità particolari: si trattava infatti di concerti con strani organici come il RV531 per due violoncelli, il RV 575 per due violoncelli e due violini, o il RV 542 per violino e organo obbligato, per quanto riguarda Vivaldi. Tutti e tre i concerti erano tra i meno conosciuti ed eseguiti, ma per questo non meno interessanti nel dialogo tra i solisti e nella loro interazione con gli altri strumenti e con il basso continuo.

La scelta di operare a parti reali (uno strumentista per parte) è stata fondamentale, come pure avere come spalla una personalità dello spessore di Baraldi: il gruppo era concentrato, aveva un suono bello e pieno, ottima intonazione, cura nei fraseggi, negli attacchi e nelle chiuse.

Un altro valore aggiunto è stato poi Loreggian in veste di solista nell’Op. 4 n. 4 di Handel dove anche grazie al suo organo a baule ha regalato momenti di grande emozione nell’Andante e ha saputo mantenere il polso fermo nel complicato contrappunto del fugato finale senza però perdere la freschezza del tocco.

Alla fine i due brani più noti, il Concerto per due violini BWV 1043 e la terza Suite di Bach che hanno chiuso con brillantezza la serata dedicata al Barocco. Applausi cordialissimi per tutti i componenti dell’ensemble, e fuori programma è stato eseguito un apprezzato Allegro di Telemann per viola solista, a valorizzare anche il bravo Andrea Maini.

Chiara Zocca
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento richiede l’utilizzo di un “cookie di dominio” secondo quanto indicato nella Privacy Policy del sito; l’invio del commento costituisce pertanto consenso informato allo scarico del cookie sul terminale utilizzato.

pagine 1 di 1