Seguici... Facebook Twitter Google+ Feed RSS
17 novembre 2017

Spettacoli

Chiudi

13.09.2017

Flauto e piano,
applausi
in sala Morone

Claudio Arimany
Claudio Arimany

Ha preso avvio nella Sala Morone del Convento di San Bernardino la quindicesima edizione dei “Concerti del lunedì“, rassegna storica di musica da camera ideata e organizzata da Francesco Ferrarini con la collaborazione del suo gruppo “Gli Interpreti Italiani”. Davanti a un nutrito pubblico, tra cui anche turisti stranieri, si sono esibiti tre artisti catalani, i flautisti Claudio Arimany ed Eduard Sànchez insieme al pianista Pedro Rodriguez, in un programma dal titolo “La musica da salotto”.

Arimany, discepolo prediletto, nonché erede, del grande Jean Pierre Rampal, ha simpaticamente introdotto i vari brani di una scaletta che comprendeva Lieder di Felix Mendelssohn e arie mozartiane dal Flauto magico trascritte dagli stessi autori, oltre a pezzi originali di Friedrich Kuhlau, Franz Doppler, e una bella parafrasi su temi dal Rigoletto di Verdi scritta da Carl Doppler, ottimo flautista e fratello del più celebre Franz.

Tecnica salda, suono duttile, legato meraviglioso, Arimany ha duettato con Sànchez che non gli è stato di certo inferiore nel virtuosismo come nella musicalità del fraseggio. La vera sorpresa è stata però il pianista Rodriguez, strumentista di alta levatura che vanta una facilità tecnica straordinaria, bel tocco e un istinto raro nel dialogo coi due fiati. C.Z.

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento richiede l’utilizzo di un “cookie di dominio” secondo quanto indicato nella Privacy Policy del sito; l’invio del commento costituisce pertanto consenso informato allo scarico del cookie sul terminale utilizzato.

pagine 1 di 1