Seguici... Facebook Twitter Google+ Feed RSS
24 settembre 2017

Spettacoli

Chiudi

11.09.2017

Da Galliano a Rea a Holland
I grandi fanno tappa a Mantova

Richard Galliano, protagonista atteso il 7 novembre a MantovaDave HollandBrad Mehldau
Richard Galliano, protagonista atteso il 7 novembre a MantovaDave HollandBrad Mehldau

Da Richard Galliano a Dave Holland, i nomi in cartellone rappresentano una garanzia assoluta per la trentaseiesima edizione del Mantova Jazz Festival, che quest’anno si svolgerà dal 6 ottobre al 26 novembre prossimi.

Il tema che ha ispirato tutta la manifestazione è quella delle «relazioni», concetto connaturato alla stessa idea di jazz, musica in grado di rielaborare da sempre il proprio tempo. E Mantova Jazz comprende quest’anno diciassette eventi tra concerti, master classes e performance interdisciplinari, ma la manifestazione entrerà nel vivo la sera del 20 ottobre al Teatro Bibiena quando si celebrerà l’evento speciale «Cento Anni di Jazz Italiano», che vedrà incontrarsi tre diverse generazioni di jazzisti in tre concerti distinti: il giovane chitarrista mantovano Marcello Abate, il pianista Danilo Rea e la tradizione della Milano Hot Jazz Orchestra.

Questo primo concerto prende spunto dal centenario del primo disco della storia, quello della Original Dixieland Jass Band con ben due italiani in formazione Nick la Rocca e Tony Sbarbaro. Altra serata da non perdere sarà quella del 7 novembre al Teatro Ariston intitolata An evening With Ron Carter & Richard Galliano.

Il duetto di Richard Galliano - maestro indiscusso della fisarmonica e innovatore dello strumento nel jazz - e il contrabbassista Ron Carter - vera icona delle quattro corde fin da quando entrò nell’acclamato quintetto di Miles Davis nel 1962 - presenteranno il loro primo cd uscito all’inizio di quest’anno.

Il 21 novembre, sempre all’Ariston, grande recital per piano solo di Brad Mehldau, altra figura di riferimento del jazz contemporaneo che sin dagli anni Novanta si è fatto conoscere come un importante erede e innovatore del pianismo jazz americano.

L’ultimo dei grandi concerti sarà il 26 novembre all’Ariston con Dave Holland, altro contrabbassista che ha fatto la storia del jazz negli ultimi cinquant’anni, alla testa del suo trio con il chitarrista Kevin Eubanks e con il percussionista Obed Calvaire.

Mantova Jazz comprende pure una sezione Young con concerti e in qualche caso seminari con alcuni dei giovani talenti della scena jazz italiana: il 6 ottobre c’è il pianista e cantante Walter Ricci, classe 1989,che sarà protagonista di una masterclass pomeridiana e in serata di un concerto all’Arci Virgilio. il 12 ottobre sarà la volta della masterclass e concerto del torinese Fabio Giachino e il 14 ottobre il progetto Tomorrow di Camilla Battaglia all’Arci Tom. Il 21 ottobre all’Arci Virgilio si esibirà il trio della compositrice romana Federica Michisanti, il 27 ottobre all’Arci Tom il duo di Serena Brancale, che ritroveremo la mattina del 28 in una masterclass sempre all’Arci Tom, mentre il 28 ottobre al Creative Lab Lunetta si assisterà al concerto del quintetto guidato dalla giovanissima compositrice Giulia Facco.

Il primo novembre ci sarà il quintetto del batterista Andrea Grillini all’Arci Virgilio e il 3 all’arci Tom l’Elg Ler Trio; il 10 - sempre all’Arci Tom - si terrà il concerto del trio del giovane tenorsassofonista James Brandon Lewis e l’11 al Creative Lab Lunetta il concerto della giovane clarinettista e compositrice sarda Zoe Pia e del suo quartetto.

Si prosegue il 16 novembre all’Arci Virgilio con il progetto originale del soprano Gaia Mattiuzzi e del suo trio e il 18 novembre all’Arci Tom con la band padovana PCKT.

L’ultimo concerto della Sezione Young si terrà il 24 novembre all’Arci Virgilio col quartetto Rosa Brunello Y Los Fermentos. L.SAB.

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento richiede l’utilizzo di un “cookie di dominio” secondo quanto indicato nella Privacy Policy del sito; l’invio del commento costituisce pertanto consenso informato allo scarico del cookie sul terminale utilizzato.

pagine 1 di 1