Seguici... Facebook Twitter Google+ Feed RSS
17 ottobre 2018

Spettacoli

Chiudi

29.12.2017

Così la musica supera le barriere: incontro riuscito

Teatro Camploy pieno per il progetto Stregoni FOTO BRENZONI
Teatro Camploy pieno per il progetto Stregoni FOTO BRENZONI

Una serata riuscita, con un teatro Camploy stracolmo che ha costretto gli organizzatori a lasciar fuori un gran numero di ragazzi. Il progetto Stregoni, che coinvolge musicisti e performer di diverse nazionalità (migranti, rifugiati e non solo) ha mostrato quattro declinazioni diverse. C'è l'Orchestra Mosaika, in apertura, con la sua musica che nasce dall'incontro fra culture differenti, ben impostata anche in versione ridotta; a seguire Alioune Slysaja con un combo totalmente afro; i C+C = Maxigross con quest'ultimo musicista africano; e infine il gruppo aperto Stregoni, guidato dal manipolatore di suoni Johnny Mox e sostenuto dal chitarrista Above The Tree. In questo contesto la nuova direzione artista dei C+C è compiuta: dal folk psichedelico in inglese a un afro-pop in italiano dove spicca un brano che parla di ritorno a casa, inteso come luogo e come lingua natale. «In un periodo in cui si parla di aiutarli a casa loro e di padroni a casa nostra», spiega Tobia Poltronieri dell'ensemble della Lessinia, «ci sembrava giusto usare questa parola in un contesto di accoglienza». Più radicale la proposta degli Stregoni: usare la musica contenuta nel cellulare di un rifugiato per creare una base su cui possano intervenire altri ragazzi. Il linguaggio comune è il rap, esperanto musicale di oggi, utilizzato dagli Usa all'Africa, dall'Europa al Medio Oriente. Ovviamente le cose si complicano perché non c'è una vera direzione musicale e i rapper si sovrappongono. «Anche gli errori servono; occorre tempo per conoscersi», dice Mox, propulsore del progetto. • G.Br.

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1