Seguici... Facebook Twitter Google+ Feed RSS
22 ottobre 2017

Spettacoli

Chiudi

12.10.2017

Buon compleanno, Rudy
Gli amici ricordano Rotta

Il chitarrista Rudy Rotta, scomparso ai primi di luglio
Il chitarrista Rudy Rotta, scomparso ai primi di luglio

«Happy Birthday Rudy Rotta», buon compleanno Rudy. Una serata musicale al Mad’ in Italy di via Ciro Ferrari 11 per ricordare il grande artista scomparso recentemente, il giorno dopo il suo compleanno postumo, domenica. Sabato 14 ottobre, infatti, avrebbe compiuto 67 anni.

E allora, «67 if», come per il suo amato Paul McCartney «28 if». Sulla copertina dell’album dei Beatles, Abbey Road, uscito il 26 settembre 1969, secondo vari beatlesologi ci sarebbe stato un messaggio subliminale sulla morte di Paul. I Fab Four attraversavano sulle strisce pedonali di Abbey Road, la via dello studio di registrazione della Emi, Paul era l’unico scalzo e compariva un maggiolino Volkswagen con la targa che iniziava con 28 IF, interpretato dagli studiosi del quartetto di Liverpool che credevano alla sua morte in un incidente d’auto nel 1966 ed alla sostituzione con il sosia Billy Shears, come «28 anni se fosse ancora vivo».

Alle 21 comincerà una specie di jam session con gli amici più cari del bluesman, alla presenza della famiglia. Partono i Condors con Carlo Degani (voce), Ivano Avesani (basso), Paolo Antoniazzi (batteria); segue la Roby Ceruti Band con il leader (chitarra e voce), Giulia Rotta (voce), Almiro Comucci e Larry Mancini (basso), Antongiulio Ceruti (batteria), Paolo Pisi e Ivo Borchia (tastiere) e Giorgio Peggiani (armonica); la Bifo Band con Claudio «Bifo» Bassi (voce e chitarra), Paolo Zanella (tastiere), Mirko Ribul (basso), Max Coppola (chitarra), Francesco «Sbibu» Sguazzabia (percussioni); per finire con Luca Olivieri (voce e chitarra), Lele Zamperini (batteria) e Larry Mancini (basso), che assieme a Pippo Guarnera formavano la band più recente di Rotta. Ci saranno interscambi musicali fra i vari protagonisti della serata commemorativa. Ad esempio, Degani canterà anche un brano con Giulia Rotta e un altro con la Roby Ceruti Band, oltre che con i Condors, di cui Rudy aveva fatto parte negli anni ‘70 per un paio d’anni suonando rock principalmente di Grandfunk Railroad, Who, Free, Jethro Tull. Sarà una serata di cover e pezzi originali, anche tratti dall’ultimo album postumo, Volo sul mondo, quasi un testamento musicale.

L’artista virtuoso della chitarra e grande interprete vocale ha lasciato un grande vuoto e non c’è manifestazione di blues che non lo ricordi e lo celebri all’estero e in Italia. La più recente sabato scorso a Cerea, nell’ambito del Blues Made in Italy, dove gli sono stati dedicati vari momenti. Purtroppo, Happy Birthday Rudy Rotta servirà a ricordare anche il papà Dino, che non ha retto al dolore e si è unito presto a lui fra le stelle, dove la musica non finisce mai. Ro.C.

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento richiede l’utilizzo di un “cookie di dominio” secondo quanto indicato nella Privacy Policy del sito; l’invio del commento costituisce pertanto consenso informato allo scarico del cookie sul terminale utilizzato.

pagine 1 di 1