Seguici... Facebook Twitter Google+ Feed RSS
26 luglio 2017

Spettacoli

Chiudi

02.04.2015

Akademisches Orchester Berlin La musica di Sibelius all'essenza

La violinista Suyeon Kang e il direttore Peter Adorhold a Sant'Anastasia  FOTO BRENZONI
La violinista Suyeon Kang e il direttore Peter Adorhold a Sant'Anastasia FOTO BRENZONI

Non bisogna fermarsi soltanto alla constatazione di quanto sia tecnicamente difficile il Concerto in re minore per violino e orchestra op. 47 del compositore finlandese e violinista Jan Sibelius (1865-1957), pezzo forte della serata offerta nella basilica di Santa Anastasia, gremita, dalla Banca Popolare di Verona e dall'Associazione Mozart Italia. Lo ha interpretato magistralmente sciogliendone l'anima romantica la potente Akademisches Orchester Berlin, diretta con compostezza gestuale ma sconfinato trasporto emotivo da Peter Adorhold. Questa splendida opera d'arte del musicista e violinista nordico - che lui stesso riconosceva irto di difficoltà - è stata proposta tra chiaroscuri e luce siderale da un talento del violino, la ventiseienne coreana Suyeon Kang, applauditissima, che ha regalato agli spettatori rapiti l'essenza della musica di Sibelius, ovvero il fine ricamo delle note su una tessitura di liscia e robusta seta, supportata dalla potente Akademisches.
Geneticamente eccellente nel far emergere il gioco dei chiaroscuri della musica, l'orchestra ha infatti squarciato i veli dei tre movimenti (Allegro moderato, Adagio di molto, Allegro ma non tanto) composti fra il 1903 e il 1904, suggerendo agli ascoltatori che il gioco esistenziale di luci e ombre appartiene anche agli apparentemente algidi paesaggi di una Finlandia rarefatta da romanzo ottocentesco. Nel Concerto di Siblesius, dunque, la Kang ha controllato con grazia e vigore, anche nelle note acute più estreme, il messaggio lirico della composizione nata per stupire e che di stupire non ha certo mancato, oltretutto per i forti richiami allo stile passionale di Brahms.
Non meno coinvolgenti sono stati in basilica l'Ouverture del Don Giovanni di Wolfgang Amadeus Mozart (trascinante, solenne, drammatica) e la Terza Sinfonia in mi bemolle maggiore, op. 55 di Ludwig Van Beethoven Eroica (orgogliosa, regale, epica, napoleonica).

Michela Pezzani
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento richiede l’utilizzo di un “cookie di dominio” secondo quanto indicato nella Privacy Policy del sito; l’invio del commento costituisce pertanto consenso informato allo scarico del cookie sul terminale utilizzato.

pagine 1 di 1