Seguici... Facebook Twitter Google+ Feed RSS
14 dicembre 2018

Spettacoli

Chiudi

28.12.2016

Mazzoli e Bacchetti,
connubio emozionante

Francesco Mazzoli e Andrea Bacchetti
Francesco Mazzoli e Andrea Bacchetti

Buon avvio della nuova stagione lirica e sinfonica de La giovane classicità. Il concerto proposto al teatro Filarmonico, arricchito dalla presenza di Andrea Bacchetti, pianista di fama internazionale, e condotto dall’Orchestra Sinfonica Città di Verona diretta dal maestro Francesco Mazzoli, ha convinto i numerosi spettatori, che non hanno lesinato applausi.

Impegnativo e monografico il programma, in cui Wolfgang Amadeus Mozart è stato presentato con l’Ouverture da «Le nozze di Figaro», il «Concerto per pianoforte in mi bemolle K 482», con le cadenze di Camille Saint-Saëns, l’Ouverture da «Lucio Silla» e la Sinfonia in re maggiore K 297 «Parigi».

C’è stato spazio anche per un fuori programma graditissimo e applaudito: l’esecuzione dell’Ouverture de «Il barbiere di Siviglia» di Gioachino Rossini. Emozionante il «Concerto per pianoforte n. 22 in Mi bemolle K 482»: nei suoi tre tempi (Allegro, Andante, Allegro) il pianista ha messo in risalto la sua tecnica e la sua grandissima sensibilità.

La Sinfonia in re maggiore K 297 «Parigi», l’opera con cui Mozart si presentò nel 1778 al mondo parigino, nel suo primo movimento (Allegro assai) ha proposto momenti preromantici alternati a passaggi delicati; la struttura del brano e l’imponente strumentazione l’hanno resa sotto la bacchetta severa di Mazzoli quasi un movimento di sinfonia beethoveniana, incisiva negli attacchi più bruschi e anelante all’infinito nei secondi temi. Interessante anche la parte finale con il suo moto perpetuo brillantissimo e con i suoi passaggi contrappuntistici.

Anche in questa esecuzione l’orchestra ha dato una grande ed assai convincente dimostrazione delle proprie capacità espressive.G.C.

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1