Seguici... Facebook Twitter Google+ Feed RSS
22 ottobre 2017

Spettacoli

Chiudi

17.09.2017

Addio a Dean Stanton, l’attore inquieto che piaceva a Lynch

Harry Dean  Stanton
Harry Dean Stanton

«Nessun film con Harry Dean Stanton o M. Emmet Walsh sarà mai un fiasco»: così il noto critico cinematografico Roger Ebert aveva celebrato Harry Dean Stanton, morto a Los Angeles all’età di 91 anni. Un attore che con il suo volto scavato e anti eroico ha recitato in decine di film indipendenti e cult nonché in produzioni hollywoodiane, amato da registi come David Lynch, Sam Peckinpah, John Milius, Monte Hellman, Ridley Scott, Alex Cox, Francis Ford Coppola, Martin Scorsese, Wim Wenders. Ma solo quest’ultimo gli affidò un riuscitissimo ruolo da protagonista nel film “Paris, Texas“, Palma d’oro al festival di Cannes nel 1984: l’indimenticabile Travis, l’uomo chiuso in un quasi assoluto mutismo che ricongiunge il proprio figlio alla madre dopo averla ritrovata in un peep show e poi torna a vagabondare.

«Alla fine ho interpretato la parte che volevo recitare», confessò poi al Los Angeles Times. All’epoca aveva 58 anni. Stanton era nato nel 1926 nel Kentucky rurale, figlio di un produttore di tabacco. Tra gli anni ’50 e ’60 si assicurò una serie di piccoli ruoli in show televisivi e in film a basso budget, tra cui Rin Tin Tin. Una delle sue apparizioni più memorabili in quel periodo fu nei panni di un condannato che canta un gospel nell’auto di Paul Newman, in Nick Mano Fredda. Negli anni ’70 Stanton fece breccia su Hollywood con ruoli di maggior significato, come l’autostoppista gay in Two Lane Blacktop di Monte Hellman, o comparendo nel western Missouri breaks, con Marlon Brando e Jack Nicholson. Nel Padrino II Scorsese gli ritagliò il ruolo di un agente Fbi. Nel decennio successivo Stanton supera la sua riluttanza verso i monster movie e interpreta un membro d’equipaggio dell’astronave Nostromo in Alien, di Ridley Scott. Poi lavora con la nuova generazione di film-makers degli anni ’80: Fuga da New York di Carpenter, Repo Man di Cox, Bella in rosa di Deutch. Il successo nel film di Wenders aumentò la sua popolarità nei ruoli di sostegno: da San Paolo nell’Ultima tentazione di Cristo di Scorsese a Toot Toot nel Miglio Verde tratto da un romanzo di Stephen King. Diventò anche uno degli attori preferiti da David Lynch: Inland Empire e Twin Peaks.

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento richiede l’utilizzo di un “cookie di dominio” secondo quanto indicato nella Privacy Policy del sito; l’invio del commento costituisce pertanto consenso informato allo scarico del cookie sul terminale utilizzato.

pagine 1 di 1