Seguici... Facebook Twitter Google+ Feed RSS
18 giugno 2018

Spettacoli

Chiudi

28.11.2017

Baglio alla riconquista del web
parlando del valore dell’amicizia

Una scena di «Fuga dalla Morte 2», la web serie con protagonista Andrea BaglioAndrea Baglio in una scena di «Fuga dalla morte»
Una scena di «Fuga dalla Morte 2», la web serie con protagonista Andrea BaglioAndrea Baglio in una scena di «Fuga dalla morte»

Alla (ri)conquista del web. Andrea Baglio, attore e Youtuber, veronese d'adozione, confermato tra i protagonisti di Fuga dalla Morte, web serie ideata e realizzata da Michael Righini, Youtuber pesarese che vanta 650.700 iscritti. Un progetto, rimasto nel cassetto per quattro anni, le cui riprese si sono svolte questa estate tra Toscana, Lazio, Marche ed Emilia Romagna. Ma soprattutto, una serie realizzata senza sponsorizzazioni grazie al contributo economico dei fan. Ne abbiamo parlato con Andrea, che a distanza di anni è tornato a vestire i panni della Morte.

Andrea, come è nata l’idea di “Fuga dalla Morte 2“?

In realtà Michael aveva già scritto tutta la sceneggiatura della seconda stagione, servivano i soldi per poterla realizzare. Intanto gli anni passavano e i fan continuavano a chiedergli notizie a riguardo. E la cosa è di per sé molto curiosa, perché parliamo di un progetto di quattro anni fa…

Come sono andate le cose?

Alla fine, viste le continue richieste, abbiamo deciso di iniziare una campagna di crowdfunding su Eppela.com. Sinceramente non avevamo grandi aspettative, non c’era la certezza. Come ho già detto, la prima stagione è uscita quattro anni fa e per come viaggia il web anche una cosa fatta la settimana scorsa è vecchia. Certo non ci aspettavamo quello che alla fine è successo: una secchiata di affetto totale da parte del pubblico. Erano stati richiesti 15mila euro e ne sono arrivati più di 16 mila. E’ stato un risultato importante, come se fosse il pubblico del web a chiedere il ritorno della qualità, freschezza e sincerità che c’erano una volta. Non era scontato che una serie che tocca temi come la morte e valori come amicizia e il ritrovare se stessi potesse suscitare un interesse così vero.

A che punto è la post produzione?

Il prodotto finale sarà di 4 episodi da 60 minuti, per una durata complessiva di 240 minuti. Le riprese, durate tutta l’estate sono terminate e attualmente Michael è in fase di montaggio. Non c’è ancora una data precisa, i 4 episodi usciranno lo stesso giorno nella prima parte del 2018 dopo le anteprime al cinema, come avvenuto in occasione della prima stagione. Poco prima della pubblicazione della serie su Youtube uscirà il trailer ufficiale con la data precisa.

Cosa ci aspetta nella seconda stagione?

Molte delle domande lasciate in sospeso nella prima serie avranno una risposta. Michael continua il suo viaggio, una vera e propria lotta che lui decide di iniziare per trovare le motivazioni per tornare in questa dimensione, quella terrena. Lui incontra e si scontra con diverse figure che gli ricordano quello che ha abbandonato o che potrebbe abbandonare qualora decidesse di lasciarsi andare. Come per ogni serie che si rispetti, anche Fuga dalla Morte lascia aperto uno spiraglio, sia per la libera interpretazione e una possibile stagione numero 3. Tutto dipenderà ovviamente anche dal riscontro del pubblico…

E nel tuo futuro cosa vedi?

Motivato dal successo del crowdfounding di Righini, ho iniziato un progetto come regista, Anima: un cortometraggio a carattere storico-metafisico. Parlerò di reincarnazione, flussi di energie e dell’importanza di andare incontro al destino al posto di sfuggirgli. E’ da maggio che ci sto lavorando. Ho già un cast molto interessante, di cui faranno parte Gianluca Iacono, il doppiattore di Vegeta e Marius Bizau, che reciterà nella seconda stagione de I Medici. Anche io ho intenzione di chiedere l’aiuto dei miei fan, con una campagna di crowdfunding che inizierà a gennaio.

Andrea Gruberio
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento richiede l’utilizzo di un “cookie di dominio” secondo quanto indicato nella Privacy Policy del sito; l’invio del commento costituisce pertanto consenso informato allo scarico del cookie sul terminale utilizzato.

pagine 1 di 1