Seguici... Facebook Twitter Google+ Feed RSS
22 ottobre 2017

Spettacoli

Chiudi

06.10.2017

Doug Seegers,
intensità country
al Giardino

Caricamento in corso ...

La tradizione anche musicale americana è ricca di esempi di "beautiful losers", i "belli e perdenti" come Townes Van Zandt, per esempio, che a dispetto di un talento universalmente riconosciuto anche da più celebrati colleghi, hanno faticato a vederselo gratificato con adeguato riscontro commerciale. Ma viceversa è ricca anche la tradizione di personaggi che improvvisamente, grazie ad inaspettate svolte del destino, riescono a togliersi da situazioni in apparenza irreversibilmente avverse e sfondano il muro dell'indifferenza del pubblico. Pensiamo a songwriters arrivati anche sul nostro territorio negli anni scorsi come David Munyon o Mary Gauthier, passati da situazioni ai limiti della sopravvivenza a status di culto artistico.

 

Ed è un po' anche il caso di Doug Seegers, cantante chitarrista e autore country in cartellone per la prima volta al Giardino di Lugagnano stasera alle 21,30 dopo un set acustico di apertura affidato al duo Anna Bertasini & Silvano Zago. ll caso di Seegers è esemplare: sessantacinquenne newyorkese di Long Island, elegante e parco come accade a chi si è abituato a sopportare con dignità anche le situazioni più difficili dell'esistenza, fino a cinque anni fa Seegers - non sappiamo se per necessità o scelta - si trovava nella situazione di senzatetto che passava le sue giornate suonando e cantando per sopravvivere sulle strade di Nashville, Tennessee.

Doug Seegers non si aspettava certo di finire quasi casualmente in un documentario televisivo di sei puntate trasmesso dalla televisione svedese e condotto da Jill Johnson, dedicato alla città di Nashville. Nel film, Seegers appariva seduto su una panchina di un parco in cui davanti ad una manciata di persone, eseguiva tranquillamente un suo brano, "Going Down The River", stupefacente per profondità e spontaneità, esaltato da un canto dolente e penetrante quanto privo di orpelli e belletti. Risultato, prima il singolo "Going Down The River" e poi l'omonimo album del 2014 volarono in testa alle classifiche discografiche svedesi, catapultando l'ex-homeless di stanza nel Tennessee a un inedito stato di celebrità nel paese scandinavo, con cinque album prodotti da allora, un "disco d'oro" per quello d'esordio e un primo posto in Svezia anche per il secondo capitolo, "In Tandem" con Jill Johnson, collaborazioni discografiche con una country star assoluta come Emmylou Harris. L'ultimo album di Doug Seegers, uscito a maggio per la Capitol, s'intitola "Sings Hank Williams". 

B.M.
Correlati

Articoli da leggere

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento richiede l’utilizzo di un “cookie di dominio” secondo quanto indicato nella Privacy Policy del sito; l’invio del commento costituisce pertanto consenso informato allo scarico del cookie sul terminale utilizzato.

pagine 1 di 1