20 febbraio 2019

Blog

CHIUDI
CHIUDI

Chiudi

Editoriale

03.12.2018

Sulla manovra
è l'ora del dialogo

Il rischio di recessione dipende da una contrazione della domanda globale che ha colpito l'export e da una crisi di fiducia sull'Italia che ha ridotto gli investimenti esterni ed interni quando il governo ha esplicitato una linea di tagli allo sviluppo ed assistenzialista, finanziata con un aumento del deficit e con una violazione aggressiva delle regole europee. Ora il governo sta cercando di evitare la procedura di infrazione da parte dell'Ue che peggiorerebbe la situazione compromettendo il sistema del credito a imprese e famiglie, causa certa di ostacolo alla crescita e alla ripresa. Forse è meglio dire che il Quirinale ha preso in mano, dietro le quinte, la materia, cercando un compromesso tra requisiti di ordine economico favorevole all'Europa e il progetto politico euro-scettico della maggioranza. Tecnicamente, si tratta di ridurre dai 7 ai 10 miliardi il finanziamento in deficit del progetto di bilancio per portare il deficit proiettivo stesso sotto il 2%, dal 2,4% annunciato, e di allocare le risorse più sul lato degli investimenti e degli stimoli fiscali e meno sulla spesa assistenziale per rendere credibile almeno un minimo potenziale di crescita che non faccia peggiorare il rapporto debito/Pil nel 2019 e quindi permetta di evitare la procedura di infrazione Ue. Non sarà facile perché ciò implica un'inversione imbarazzante dei leader della maggioranza dai loro linguaggi che disprezzano i «numerini» e antagonizzano l'Ue. Ma il Quirinale sembra aiutarli, guidando Conte e Tria nel negoziato con la Commissione, ad arrendersi senza perdere la faccia. Bene che vada, comunque, la politica economica risultante comporterà stagnazione. Pertanto l'inversione della tendenza recessiva nel 2019 dipende dalla ripresa della domanda globale, cioè dell'export. La tregua nella guerra dei dazi concordata tra America e Cina sabato fa tornare un certo ottimismo che, se produttiva di un accordo pur nel confronto geopolitico duraturo tra le due potenze, stimolerà nuovamente gli investimenti. Altrettanto importante per l'industria italiana è l'accordo tra America e Germania, di cui è fornitrice, per evitare dazi sull'export europeo. Trump vuole un trattato di libero scambio simmetrico e bilaterale con l'Ue che, però, mette in grave difficoltà il modello protezionista europeo. Questo è un motivo in più di riconvergenza rapida dell'Italia con l'Ue allo scopo di contribuire ad un compromesso con l'America, interesse vitale per Roma e Berlino, ma che Parigi non vuole. www.carlopelanda.com

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1
Articoli
Salvini si salva
l'economia meno
Nel nome
di Rousseau
La responsabilità
dell'Autonomia
Salvini e i giudici
il M5S alla prova
Il Nord tradito
sull'autonomia
Stop la domenica
duello sui negozi
Autonomia,
l'ora della verità
La presa in giro
del M5S sulla Tav
Il voto in Abruzzo
scuote il governo
Servono misure
per il lavoro
Banche, governo
e risparmiatori
Lite con la Francia
e industria in calo
Le radici estirpate
di De Gasperi
Le radici estirpate
di De Gasperi
Gli altissimi costi delle liti Lega-M5S
Il paradosso
del reddito M5S
Nuovo debito
per il Reddito
Scommessa
sulle esportazioni
Le vere riforme
per la crescita
Cantiere Tav,
caos nel governo
Manovra-bis,
spettro sui conti
Il Pil è in caduta
allarme per l'Italia
Caso Salvini,
rebus sul processo
Ritiro da Kabul,
lite nel governo
Poteri d'Europa
e Italia in scacco
La Memoria
e l'Europa di oggi
Salvini va sulla Tav
Di Maio alza i muri
La Diciotti sbarca
voti per Salvini
Se Lino Banfi
arriva all'Unesco
Italia e Francia,
duello sull'Africa
Europa e Usa,
partita sull'export
Conti e pensioni,
rebus sui giovani
Doccia fredda
sulla crescita
Silvio riprova
la sfida impossibile
Reddito e pensioni
Conte alla prova
Brexit, il naufragio
di Londra e May
Una recessione
da evitare
Così è finita
l'impunità
Se i moderati
vanno in piazza
Torna lo spettro
della recessione
Sì ai vaccini,
la svolta di Grillo
I grillini a lezione
della dura realtà
M5S come gli altri:
soldi alle banche
Se l'M5S scheda
pure gli scienziati
Se lo Stato sociale
passa al privato
Tra cittadinanza
e lavoro in nero
Assurde tragedie
sulle piste da sci
La Cina sulla luna
e l'Europa a terra
La Cina sulla luna
e l'Europa a terra
Cortocircuito tra istituzioni
L'appello alla politica
Nel 2019 si vince
grazie all'export
Ombre del peggior
assistenzialismo
Una manovra
dal fiato corto
L'assurda tassa
sulla solidarietà
Chi scommette
sull'Italia
Le incognite
della manovra
Se il Veneto
«avverte» Salvini
Assunzione
di responsabilità
Tav, la strategia
dell'incertezza
Sono i cittadini
ad aver perso
La stangata
sulle multe
Fisco e pensioni:
si tesse con l'Ue
Il compromesso
sulla manovra
Più sicurezza
anche sui conti
Il reddito divide
Lega e M5S
C'è chi dilapida
e chi è virtuoso
Deficit al 2,04%
una scelta saggia
L'odio uscito
dal letargo
E il ministro boccia
i compiti a casa
La manovra del realismo
La presa in giro
ad Alta velocità
La nuova sfida
sulla giustizia
Suonata la sveglia
a Salvini e Di Maio
Sulla manovra
è l'ora del dialogo
Le aspettative
di un territorio
Le nostre radici
e i cattivi maestri
Le colpe dei padri
e quelle dei figli
Se uno spara dopo 38 furti
Spiragli di luce
oltre il deficit
Una beffa
per gli onesti
Se mezzo governo
frena il Nord
I contrappesi
della democrazia
Se Conte recluta
le aziende statali
Gaffe e incertezza
Il Paese trema
Se lo spread vola
e la Borsa crolla
Italia all'esame
di credibilità
A caccia di soldi tra Iva e scontrini
Il rischio della stangata
Quando le parole non si cancellano
Se con Foa la Rai torna ai territori
All'esame
dei mercati
A volte è meglio cucirsi la bocca
Migranti e conti, il muro europeo