18 gennaio 2019

Blog

CHIUDI
CHIUDI

Chiudi

Editoriale

11.01.2019

Sì ai vaccini,
la svolta di Grillo

Beppe Grillo e Matteo Renzi hanno firmato il «patto per la scienza» per sostenere la ricerca e contrastare la pseudomedicina. Tutti i politici e gli amministratori dovrebbero firmarlo. Lo ha proposto un immunologo, Roberto Burioni, che nel darne notizia sul suo sito fa un commento drastico, sul quale dobbiamo essere d'accordo: «Non ascoltare la scienza significa non solo oscurantismo e superstizione, ma anche dolore, sofferenza e morte». Il patto ricorda, ma ce n'era bisogno?, che la scienza non ha colore politico, non esiste una scienza di destra, di sinistra o di centro, o dei Cinquestelle, ma la scienza mira semplicemente al progresso dell'umanità, e per raggiungere questo progresso bisogna fermare l'opera degli pseudoscienziati che diffondono paure ingiustificate verso pratiche mediche confermate da un'esperienza pluriennale. Questa è una posizione ferma pro-vaccini.Dunque Beppe Grillo entra nei pro-vax, e si stacca dai no-vax che sosteneva al tempo della campagna elettorale. Hanno gioco facile i suoi seguaci che si dichiarano confusi e lo inondano d'insulti, da «voltagabbana» a «traditore». Che quella di Grillo sia una svolta, impreparata e inattesa, non c'è dubbio, che semini lo sconcerto tra le fila dei no-vax è inevitabile, ma che questo sia un «tradimento» si può eccepire. Grillo passa su posizioni scientifiche da posizioni non-scientifiche, e chi va sulle posizioni della scienza non tradisce nessun valore, è chi combatte la scienza da posizioni non scientifiche che tradisce l'umanità. Questa è una nuova battaglia nella guerra dei vaccini in Italia, e ci fu un tempo, non antico, in cui il Movimento di Grillo sosteneva la pericolosità dei vaccini, l'inutilità, e quindi si opponeva all'obbligatorietà della vaccinazione, lasciando libertà di scelta. A posizioni molto vicine arrivava Salvini, il quale si preoccupava che tutti i bambini potessero entrare in classe, e che non venissero esclusi i non vaccinati.Ma l'interesse dei bambini è sì entrare in classe, ma senza rischiare malattie: per un'assenza totale del rischio bisognerebbe che in classe nessun bambino fosse non-vaccinato. I bambini sono il bene più prezioso che abbiamo. Per loro la scienza ha lavorato così accanitamente, creando i vaccini, che alcune malattie sono sparite dal territorio nazionale. I nostri bambini sono al sicuro. Smettendo di tutelarli, li riesponiamo al pericolo. Dunque, Grillo è approdato a posizioni pro-bambini, pro-vaccini, pro-umanità. Benvenuto.

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1
Articoli
Reddito e pensioni
Conte alla prova
Brexit, il naufragio
di Londra e May
Una recessione
da evitare
Così è finita
l'impunità
Se i moderati
vanno in piazza
Torna lo spettro
della recessione
Sì ai vaccini,
la svolta di Grillo
I grillini a lezione
della dura realtà
M5S come gli altri:
soldi alle banche
Se l'M5S scheda
pure gli scienziati
Se lo Stato sociale
passa al privato
Tra cittadinanza
e lavoro in nero
Assurde tragedie
sulle piste da sci
La Cina sulla luna
e l'Europa a terra
La Cina sulla luna
e l'Europa a terra
Cortocircuito tra istituzioni
L'appello alla politica
Nel 2019 si vince
grazie all'export
Ombre del peggior
assistenzialismo
Una manovra
dal fiato corto
L'assurda tassa
sulla solidarietà
Chi scommette
sull'Italia
Le incognite
della manovra
Se il Veneto
«avverte» Salvini
Assunzione
di responsabilità
Tav, la strategia
dell'incertezza
Sono i cittadini
ad aver perso
La stangata
sulle multe
Fisco e pensioni:
si tesse con l'Ue
Il compromesso
sulla manovra
Più sicurezza
anche sui conti
Il reddito divide
Lega e M5S
C'è chi dilapida
e chi è virtuoso
Deficit al 2,04%
una scelta saggia
L'odio uscito
dal letargo
E il ministro boccia
i compiti a casa
La manovra del realismo
La presa in giro
ad Alta velocità
La nuova sfida
sulla giustizia
Suonata la sveglia
a Salvini e Di Maio
Sulla manovra
è l'ora del dialogo
Le aspettative
di un territorio
Le nostre radici
e i cattivi maestri
Le colpe dei padri
e quelle dei figli
Se uno spara dopo 38 furti
Spiragli di luce
oltre il deficit
Una beffa
per gli onesti
Se mezzo governo
frena il Nord
I contrappesi
della democrazia
Se Conte recluta
le aziende statali
Gaffe e incertezza
Il Paese trema
Se lo spread vola
e la Borsa crolla
Italia all'esame
di credibilità
A caccia di soldi tra Iva e scontrini
Il rischio della stangata
Quando le parole non si cancellano
Se con Foa la Rai torna ai territori
All'esame
dei mercati
A volte è meglio cucirsi la bocca
Migranti e conti, il muro europeo