21 marzo 2019

Blog

CHIUDI
CHIUDI

Chiudi

Cangrande

11.01.2019

Verona? Ridateci
un altro inglese

Verona con le sue testimonianze antiche, le strade romane, il Campidoglio, i resti medievali, dagli antichi palazzi alle sepolture, rappresentava per un archeologo come Peter Hudson una sorta di «parco divertimenti». Lui, di Manchester, decise di stabilirsi in centro città dove ovunque voltasse lo sguardo trovava materia di studio. Grazie a lui, arrivato dal Regno Unito, noi veronesi abbiamo scoperto che cosa la nostra città poteva rivelare, che cosa si nasconde sotto il suolo. Basti pensare alla via Postumia che scorre perfettamente lastricata sotto corso Cavour.Ecco, ci è voluto uno straniero, un inglese, per valorizzare la nostra storia, per leggere il nostro passato. Quanto ce ne sarebbe bisogno anche adesso che non riusciamo mettere a sistema il nostro patrimonio, dal Museo di Storia Naturale, al Museo della lirica, per non dire della chiusura di quegli Scavi scaligeri che proprio Peter Hudson contribuì a creare. Ridateci un altro inglese. O anche cinese...

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1
Articoli
Le baruffe chiozzotte
sull'Estate teatrale
Valdegamberi accoglie
Al Bano tra i cattivi
Mercatini km zero,
non è tempo di ananas
Conte e Toninelli,
le sfide da Valeggio
L'Arsenale e il futuro
di Borgo Trento
Inediti alleati in soccorso
della Lega senza nord
In paese smog e salite,
un'e-bike per gli anziani?
Gioco, la vecchia Verona
ed i nuovi arroganti
Governo, famiglia,
e la disfida scaligera
Bilancio, Amia a rischio
Chi sarà il salvatore?
Una Marangona
per tutte le stagioni
Non ci si può dividere
sul Monte Baldo
Lo smog continua,
meglio le targhe alterne?
Invocazioni di vecchi
e nuovi selvaggi
Salvini in Fiera
alla ricerca dell'onda
Le polveri sottili?
Sempre quelle degli altri
I lucchetti dell'amore?
Lasciate stare le Arche
L'Adige di Tolo da Re
dai mulini al surf
La movida alcolica
della bella Veronetta
Cosmobike e Giro
ma servono le ciclabili
Ikea, analisi costi benefici
tra la cucina e il divano
Carnevale a Palazzo,
tutti sul carro di Salvini
In bici in contromano?
La città ne sa qualcosa
Evitiamo il peggio
riaprendo il dialogo
Se i piccoli paesi
restano senza dottore
Se adesso asfaltare è governare
Una badilata d'asfalto
non cancella le buche
Dateci un tema nuovo
per il voto del 2022
La tassa di sbarco
per i turisti a Venezia
Se la multa in Ztl
finisce nel preventivo
Scuole e ospedali,
ma serve l'armatura?
Il dibattito politico
è andato in letargo
Il grande cuore
dei veronesi
La bella addormentata
in riva all'Adige
È la corsa per l'Europa
o quella per le regionali?
La preside che dice
stop alle ipocrisie
E la Sovrintendenza
boccia pure il terreno
Un veronese in auto
nella giungla delle leggi
Adriano, non puoi
dimenticare Veronetta
Se l'auto va piano
è vero che inquina di meno?
Passano le majorettes
Il corteo sarà «blindato»
I costi del ponte
e quelli della burocrazia
Se l'opera non è lirica
forse è il filobus
Titanico scontro
in riva all'Adige
I John Wayne
degli stalli blu
Se la signora Maria
diventa «influencer»
L'anniversario?
A Legnago è «fai da te»
Verona cucinata
in salsa meneghina
Verona? Ridateci
un altro inglese
Quando il silenzio
è complicità
Ma che fretta hanno gli autisti dei bus?
Grazie al falò della Vecia
c'è il record dello smog
Verona non riesce
a guadare l'Adige
Per il nostro museo
una storia innaturale
Legnago come la stanza
del Grande Fratello
Rincari e solo promesse
per i «dannati» dei treni
Periferie degradate
assessori da Far West
Una vera festa
per il Capodanno
Lo spirito dei Mercatini
e le opere di carità
Corsie preferenziali
e multe salate
Se il Traforino si farà
sarà grazie al filobus
La favola di Natale
dove si soffre
Una presa in giro
ad alta velocità
Una città turistica
che non fa formazione
Quel solito vizietto
del «lei non sa chi sono io»
Creduloni sul web
in salsa scaligera
Via San Paolo
e la conversione
Voto a Legnago?
Cherchez le cirque
Le belle e le bestie
attorno al Filarmonico
I muri da conservare
e quelli da abbattere
Quel mercato
così poco natalizio
Sorpresa,Veronetta
somiglia a New York
Quegli attimi sospesi
aggrappati al destino
Il sorriso di Don Silvano
Troppi tesori
condannati all'oblìo
L'allenatore
nel pallone
Quell'acuto strozzato
in Fondazione Arena
Matteo ha preso
Zaia per il Coletto
Il segretario generale
dell'Onu scaligero
Chi fugge dalle guerre
e chi non fugge dal gelo
Agguati dei «corsari»
sulle strade veronesi
Quella fossa per cani
ai giardini Lombroso
I nostri Champs Elysees
dalle lucciole al buio
Il Tempio di Giove
finito nel limbo
Diamo pace ai fantasmi
dal manicomio
Verona e l'animo
conservatore
Se il centro assomiglia
a una sagra strapaesana
Perché alle case Agec non si fa manutenzione
Se i preti scaligeri sposano internet
Un casello a futura memoria
Dopo il blocco Euro 3 lo smog va meglio?
I Verdi scaligeri e l'«Imagine» di Mao
La città di Giulietta capitale delle escort
Tempi duri per i troppo buoni
Il maestro templare e i figliocci di oggi
Alla ricerca dei 5 Stelle scaligeri
Dopo il grande diluvio risplende l'autonomia
I portoghesi scaligeri e l'editto di Sboarina
Se la Provincia fa deragliare il filobus
Il Dorian Gray scaligero è più forte dell'assessore