17 febbraio 2019

Blog

CHIUDI
CHIUDI

Chiudi

Cangrande

22.01.2019

Se l'auto va piano
è vero che inquina di meno?

A tutti sarà capitato di passare sotto i tabelloni luminosi all'ingresso della città e leggere: «Riduci la velocità riduci l'inquinamento». Qualcuno si sarà chiesto: ma è vero? Fino a un certo punto. Anzi, in certi casi ridurre la velocità diventa ancora più dannoso per lo smog.A sostegno della tesi luminosa che ci accompagna tutte le mattine c'è uno studio dell'autostrada del Brennero, che nel 2017 ha condotto un esperimento nel tratto trentino limitando la velocità a 100 km/h e registrando un netto calo dell'ossido di azoto e degli altri inquinanti: i veicoli viaggiavano in condizioni ideali.A conclusioni diverse sono arrivati invece altri studi, per esempio dell'Università Statale di Milano: in città ridurre la velocità provoca più inquinamento. Sia perché si continua ad accelerare e frenare provocando gas e polveri, sia perché il veicolo aumenta la sua permanenza in strade cittadine. Insomma, ridurre la velocità va bene ma più per la sicurezza che per lo smog.

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1
Articoli
Ikea, analisi costi benefici tra la cucina e il divano
Se adesso asfaltare è governare
Una badilata d'asfalto
non cancella le buche
Dateci un tema nuovo
per il voto del 2022
La tassa di sbarco
per i turisti a Venezia
Se la multa in Ztl
finisce nel preventivo
Scuole e ospedali,
ma serve l'armatura?
Il dibattito politico
è andato in letargo
Il grande cuore
dei veronesi
La bella addormentata
in riva all'Adige
È la corsa per l'Europa
o quella per le regionali?
La preside che dice
stop alle ipocrisie
E la Sovrintendenza
boccia pure il terreno
Un veronese in auto
nella giungla delle leggi
Adriano, non puoi
dimenticare Veronetta
Se l'auto va piano
è vero che inquina di meno?
Passano le majorettes
Il corteo sarà «blindato»
I costi del ponte
e quelli della burocrazia
Se l'opera non è lirica
forse è il filobus
Titanico scontro
in riva all'Adige
I John Wayne
degli stalli blu
Se la signora Maria
diventa «influencer»
L'anniversario?
A Legnago è «fai da te»
Verona cucinata
in salsa meneghina
Verona? Ridateci
un altro inglese
Quando il silenzio
è complicità
Ma che fretta hanno gli autisti dei bus?
Grazie al falò della Vecia
c'è il record dello smog
Verona non riesce
a guadare l'Adige
Per il nostro museo
una storia innaturale
Legnago come la stanza
del Grande Fratello
Rincari e solo promesse
per i «dannati» dei treni
Periferie degradate
assessori da Far West
Una vera festa
per il Capodanno
Lo spirito dei Mercatini
e le opere di carità
Corsie preferenziali
e multe salate
Se il Traforino si farà
sarà grazie al filobus
La favola di Natale
dove si soffre
Una presa in giro
ad alta velocità
Una città turistica
che non fa formazione
Quel solito vizietto
del «lei non sa chi sono io»
Creduloni sul web
in salsa scaligera
Via San Paolo
e la conversione
Voto a Legnago?
Cherchez le cirque
Le belle e le bestie
attorno al Filarmonico
I muri da conservare
e quelli da abbattere
Quel mercato
così poco natalizio
Sorpresa,Veronetta
somiglia a New York
Quegli attimi sospesi
aggrappati al destino
Il sorriso di Don Silvano
Troppi tesori
condannati all'oblìo
L'allenatore
nel pallone
Quell'acuto strozzato
in Fondazione Arena
Matteo ha preso
Zaia per il Coletto
Il segretario generale
dell'Onu scaligero
Chi fugge dalle guerre
e chi non fugge dal gelo
Agguati dei «corsari»
sulle strade veronesi
Quella fossa per cani
ai giardini Lombroso
I nostri Champs Elysees
dalle lucciole al buio
Il Tempio di Giove
finito nel limbo
Diamo pace ai fantasmi
dal manicomio
Verona e l'animo
conservatore
Se il centro assomiglia
a una sagra strapaesana
Perché alle case Agec non si fa manutenzione
Se i preti scaligeri sposano internet
Un casello a futura memoria
Dopo il blocco Euro 3 lo smog va meglio?
I Verdi scaligeri e l'«Imagine» di Mao
La città di Giulietta capitale delle escort
Tempi duri per i troppo buoni
Il maestro templare e i figliocci di oggi
Alla ricerca dei 5 Stelle scaligeri
Dopo il grande diluvio risplende l'autonomia
I portoghesi scaligeri e l'editto di Sboarina
Se la Provincia fa deragliare il filobus
Il Dorian Gray scaligero è più forte dell'assessore
Legnago diventa una città fantasma
Un tranquillo weekend vicino al Palazzo
La piena dell’Adige e il vuoto delle scelte
La burocrazia funziona
Almeno per i morti
I Montecchi e Capuleti dei piani alti
Pronti alla fuga da Palazzo Barbieri
Vietato l'ingresso ai non spacciatori
La dolce euchessina e i computer in ospedale
Il piccolo mondo antico in quella strada al 17
Villafranca spazza in stile Mary Poppins
Palazzo Barbieri e la tela di Penelope
Pastissada de caval, un piatto molto attuale
Neanche a Suor Pura riescono certi miracoli
Gli intellettuali di Palazzo Barbieri
Elezioni per la Provincia in Adige spunta Moloch
Se anche la morte deve attendere le 11.30
Amt fa concorrenza a Trenitalia: in peggio
Don Camillo, Peppone e i nuovi figli di Mosca
Se Altamura diventa lo 007 del fisco
Fontana e la visione «in hoc signo vinces»
Nei sotterranei di Palazzo Barbieri
La Provincia «zombie»
e il dopo-Pastorello
Se il cimitero muore di dimenticanza
Verona, il Sommo Poeta e le ugole rock'n'roll