Seguici... Facebook Twitter Google+ Feed RSS
20 settembre 2018

Provincia

CHIUDI
CHIUDI

Chiudi

09.09.2018

Tre torrenti sotto osservazione Uno è pieno di ghiaia franata

Interventi dopo gli allagamenti ad Arbizzano FOTO DIENNE
Interventi dopo gli allagamenti ad Arbizzano FOTO DIENNE

Per risolvere i problemi idraulici ed eliminare i conseguenti rischi, verificatisi in alcune aree del comune di Negrar a causa del violentissimo nubifragio di sabato primo settembre, tecnici ed operai del consorzio di bonifica Veronese dovranno lavorare almeno sino a giovedì 20 settembre. Tutto questo impegnando in pianta stabile una decina di persone e vari mezzi, con un costo che al momento viene stimato in oltre 120mila euro e con la conferma, secondo l’ente, che è necessario che le istituzioni finanzino un piano di prevenzione straordinario. L’alluvione ha gravemente compromesso la funzionalità dei corsi d’acqua. Soprattutto di quelli di dimensioni più piccole, che sono più facilmente soggetti ad essere ostruiti dalla vegetazione e dai detriti trasportati dalla piena. Gli operai del consorzio erano entrati in azione già sabato sera, il primo settembre, con uomini e pompe idrovore, per svuotare alcuni scantinati completamente sommersi, ma dalla domenica mattina si sono dedicati agli interventi di natura idraulica. I primi interventi sono stati dedicati ad eliminare le ostruzioni più pericolose, che avrebbero potuto favorire nuove esondazioni in caso di ulteriori piogge, per poi passare ad espurgare gli alvei nei quali si sono accumulati quantità enormi di ghiaia e sassi. «Osservati speciali sono il Vaio di Novare, il Vaio del Ghetto-Arbizzano-Parona e il vaio delle Bernardinelle», spiegano al consorzio. «Su quest’ultimo», precisano i tecnici, «si è abbattuta una montagna di ghiaia, trasportata a valle da numerose piccole frane che ne hanno interessato il tratto collinare tra Arbizzano e Montericco». Una situazione meno grave, ma comunque sempre critica, si è verificata nelle campagne di Roverchiara, dove sono state eseguite numerose manovre preventive di svuotamento dei canali che svolgono anche una funzione irrigua. Dopo le piogge, il Consorzio è intervenuto allo scopo di riprendere alcune frane staccatesi lungo le sponde dello scolo Viola. Il Consorzio opera sui corsi d’acqua in delega regionale con il compito di eseguirne la manutenzione ordinaria. «In realtà, da molti anni, la Regione ha praticamente azzerato il finanziamento degli interventi straordinari e strutturali di adeguamento sulla rete idraulica minore, pur da noi ripetutamente segnalati ben prima degli ultimi drammatici eventi», afferma con una nota l’ente veronese che poi, precisa che deve impiegare sempre di più fondi propri e chiedere la partecipazione delle amministrazioni comunali e dei privati, per riuscire ad eseguire ogni anno centinaia di interventi urgenti sul territorio di sua competenza. Territorio che va dalle pendici del monte Baldo sino alle Valli Grandi Veronesi. «La tropicalizzazione del clima impone un sempre maggiore impegno per la sorveglianza e la manutenzione lungo i circa 2.400 chilometri di corsi d’acqua e canali che abbiamo in gestione e, purtroppo, sempre più spesso la manutenzione non è sufficiente», fa sapere l’ente veronese. «Urgono misure strutturali per l’adeguamento delle sezioni e il risanamento delle tantissime criticità lasciate in eredità dall’abbuffata edilizia degli scorsi decenni. Opere per le quali i fondi del Consorzio non possono certo bastare e che richiedono un intervento lungimirante della Regione e dello Stato, al fine di evitare ben maggiori spese per il ripristino dei danni, dei quali stiamo purtroppo un’altra volta facendo la conta». •

Luca Fiorin
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento richiede l’utilizzo di un “cookie di dominio” secondo quanto indicato in Informazioni sulla Privacy del sito; l’invio del commento costituisce pertanto consenso informato allo scarico del cookie sul terminale utilizzato.

pagine 1 di 1

Sondaggio

Vota il veronese di Agosto 2018
ok

Sport

Spettacoli