Seguici... Facebook Twitter Google+ Feed RSS
15 ottobre 2018

Provincia

CHIUDI
CHIUDI

Chiudi

30.12.2017

Brusco alla Regione: «No allo spargimento di fanghi»

Luca Fiorin «Divieto generale di spandimento dei fanghi da depuratore nei campi in tutta la Regione». Questa è una delle misure che il presidente della commissione d’inchiesta sui Pfas, il pentastellato di Bovolone Manuel Brusco, chiederà venga inserita nella mozione che l’organismo consiliare presenterà, come impegno, alla Giunta regionale. Proprio quello dei fanghi, oltre che del percolato derivante dalle discariche dei rifiuti, è, d’altro canto, un tema di sicura attualità. Nei giorni scorsi, infatti, il deputato mantovano Alberto Zolezzi, che è anche lui del partito di Grillo e che è relatore di minoranza nella commissione parlamentare d’inchiesta sulle Ecomafie, ha denunciato pubblicamente, parlandone in un convegno a Legnago ma anche presentando un esposto in Procura a Mantova, una contaminazione da Pfas delle falde presenti nella provincia lombarda che sarebbe stata causata da fanghi e percolato provenienti dal Veronese e dal Vicentino. «Per carità, l’uso dei fanghi come fertilizzanti od ammendanti è previsto dalla legge ma, considerata la situazione attuale, ritengo sia giusto evitare questa fonte di rischio», spiega. IL PRESIDENTE della commissione Pfas, inoltre, fa un primo bilancio del lavoro svolto dalla «sua» commissione. «Le sedute che abbiamo effettuato sono state 15, nel corso delle quali abbiamo sentito una quarantina di soggetti, intendendo con questo termine sia persone singole che gruppi, interpellando sia le istituzioni che i tecnici oltre che i cittadini», illustra il consigliere. «All’inizio di gennaio ci ritroveremo per elaborare la relazione, che può essere portata all’approvazione del Consiglio entro il mese di gennaio o, al massimo, nella prima settimana di febbraio, e per predisporre la mozione, che sarà diretta specificatamente all’esecutivo veneziano». Quanto alle materie sulle quali il Consiglio dovrà chiedere impegni precisi alla Giunta guidata da Luca Zaia, oltre a quello dei fanghi, il presidente della commissione non ha dubbi. «Chiaramente ci dovrà essere una condivisione generale, però gli argomenti che sono emersi nel corso del lavoro che abbiamo compiuto sono evidenti», spiega Brusco. I temi sono lo screening sullo stato di salute della popolazione esposta alla contaminazione da Pfas: il presidente della commissione chiede che l’indagine «sia estesa anche alle aree esterne alla zona rossa». •

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1

Sondaggio

Vota il veronese di Settembre 2018
ok

Sport

Spettacoli