sabato, 10 dicembre 2016
CHIUDI
CHIUDI

Chiudi

19.09.2013

La veggente di Medjugorie torna per recitare il rosario

Marija Pavlovic ritratta in un precedente momento di preghiera al Palariso di Isola della Scala
Marija Pavlovic ritratta in un precedente momento di preghiera al Palariso di Isola della Scala
  • Aumenta
  • Diminuisci
  • Stampa
  • Invia
  • Commenta
Marija Pavlovic, una dei sei veggenti di Medjugorie, sarà a Vestenanova sabato nella Chiesa parrocchiale, dalle 17 alle 19.30, per un incontro di preghiera. Ci sarà prima di tutto la recita del rosario e alle 17.30 la messa, alla fine della quale la veggente parlerà ai fedeli. Marija Pavlovic, 48 anni, sposata e madre di quattro figli, vive a Monza vicino a Milano e, dopo le prime apparizioni del 1981, quotidianamente, in momenti di estasi, afferma di avere contatti diretti con la Vergine Maria, che vede e con la quale interloquisce. Anche sabato dunque l'appuntamento mistico è atteso per le 18.45. La veggente è spesso presente anche a Medjugorie, dove tutto era iniziato il 24 giugno di 32 anni fa in uno sperduto villaggio della Bosnia-Erzegovina, che all'epoca apparteneva alla Repubblica Socialista Federale di Jugoslavia da poco orfana del suo storico dittatore maresciallo Tito. Attualmente è una località di grande richiamo per migliaia di pellegrini che si recano in preghiera nei luoghi delle prime apparizioni mariane. Ma non mancano le occasioni anche nella nostra provincia di incontrare i veggenti, grazie ai contatti che tengono con i vari gruppi di preghiera presenti nella diocesi veronese, ma anche vicentina; il 22 settembre Marija Pavlovic sarà a Crespadoro. Conversione, preghiera e pace sono i cardini della sua predicazione; messaggi impregnati di fede e di spiritualità capaci di richiamare la presenza e l'attenzione di tanti fedeli, come accadrà sabato a Vestenanova, una delle tante tappe della sua intensa attività di testimonianza religiosa. Non nasconde la sua preoccupazione il parroco don Gianluca Bacco per un evento di cui ha avuto conferma sabato scorso, ossia soltanto una settimana prima dell'arrivo di Marija. Il parroco confida in un afflusso contenuto di fedeli visto che i tempi per l'organizzazione dell'evento sono assai limitati. «Fra le sette chiese dell'Unità Pastorale della Lessinia Orientale» spiega don Gianluca «ho scelto comunque la chiesa più capiente per ospitare questo momento di preghiera comunitaria. In ogni modo mi auguro che le moltitudini di fedeli optino per gli incontri nei luoghi di grande ricettività». Nonostante i tempi stretti il parroco è anche consapevole che una notizia come questa si avvale di un tam-tam inarrestabile e di gente sabato pomeriggio ne può arrivare veramente tanta. Il richiamo per molti fedeli è altissimo e il soprannaturale affascina tutti: questi «contatti» quotidiani con entità celesti sono un evento straordinario per una parte dei credenti e fanno discutere molti altri. «Le offerte che saranno raccolte andranno in opere di solidarietà» tiene a sottolineare infine il parroco don Gianluca, per non dare adito alle ben note insinuazioni che circolano nel web, e non solo.

Mariella Gugole
Suggerimenti

Articoli da leggere

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento richiede l’utilizzo di un “cookie di dominio” secondo quanto indicato nella Privacy Policy del sito; l’invio del commento costituisce pertanto consenso informato allo scarico del cookie sul terminale utilizzato.

pagine 1 di 1

Twitter

Facebook

Sport

Spettacoli