domenica, 07 febbraio 2016
CHIUDI
CHIUDI

Chiudi

30.10.2011

Il segreto di nonna Ester? Camminare e conversare


 La centenaria Ester Pinali
La centenaria Ester Pinali
  • Aumenta
  • Diminuisci
  • Stampa
  • Invia
  • Commenta

Tre figli, sette nipoti, otto pronipoti e, da oggi, cento primavere. Questi sono alcuni dei «numeri» di Ester Pinali, conosciuta a Bussolengo come Gesta Fiorinda. La signora, che abita in via Citella, ricorda ancora quando frequentava l'asilo infantile improvvisato, in piazzetta San Gaetano. «Ho frequentato la scuola fino alla terza elementare», racconta, «ho iniziato a lavorare a 10 anni nella filanda Danese e siccome ero piccola e non arrivavo al banco da lavoro, mi fecero indossare un paio di zoccoli molto alti. I soldi della paga andava a ritirali mio papà Carlo. Erano anni difficili, c'era poco da mangiare e in famiglia eravamo in nove». La giovanissima Ester però si fece onore sul lavoro tanto da essere premiata con un viaggio a Roma, in treno, di tre giorni. Tanta vitalità ma anche momenti tristi. Nel 1941, in un incidente ferroviario, muore il suo primo marito, Pietro Faccin, da cui ebbe Giuliana. Nel 1956 morì il suo secondo marito Bruno Piona, padre di Silvio e Giuseppe. L'ultimo lutto familiare nel 1995 con la morte del figlio Giuseppe. I viaggi sono la grande passione di Gesta Fiorinda: «Ho partecipato a quelli organizzati dai Redentoristi, dove lavorano come volontaria per le pulizie. Il regalo per il compleanno? Vorrei restare in salute e andare a visitare il paese d'origine di Elena, la ragazza che mi assiste, in Romania». Qual'è il segreto per arrivare a cent'anni? «Sono fortunata, in tutti questi anni ho mantenuto sempre la serenità e non mi sono ammalata. Mi è sempre piaciuto camminare e conversare. Lo farò anche nel giorno del mio compleanno».L.B.

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento richiede l’utilizzo di un “cookie di dominio” secondo quanto indicato nella Privacy Policy del sito; l’invio del commento costituisce pertanto consenso informato allo scarico del cookie sul terminale utilizzato.

pagine 1 di 1

Multimedia

Twitter

Facebook

Sport

Sondaggio

Il progetto del traforo è stato ridotto (niente camion e una sola canna). Tu cosa faresti?
Facciamo il traforo corto
ok
Cultura
I colori dei Coleotteri nella mostra Superfici
Presso il Museo Civico di Storia Naturale di ...
Incontri
Raccontastorie
Appuntamento con la lettura ad alta voce per ...
Sport
28mo Campionato Invernale del Garda
La 28ª edizione del Campionato Invernale del ...