sabato, 10 dicembre 2016
CHIUDI
CHIUDI

Chiudi

08.07.2012

Aquardens, ultimi ritocchi in vista dell'inaugurazione

Un rendering di uno degli spazi interni ad Aquardens, il parco verrà presto inaugurato
Un rendering di uno degli spazi interni ad Aquardens, il parco verrà presto inaugurato
  • Aumenta
  • Diminuisci
  • Stampa
  • Invia
  • Commenta
Conto alla rovescia per Aquardens, che sarà inaugurato nella serata ad invito dell'11 luglio a Santa Lucia di Pescantina. Sarà il vescovo di Verona Giuseppe Zenti a benedire il parco termale della Valpolicella. Assieme a lui i rappresentanti del mondo politico, istituzionale ed imprenditoriale. Farà gli onori di casa il sindaco di Pescantina Alessandro Reggiani con la giunta. Madrina della serata sarà Carole André, già protagonista alla posa della prima pietra insieme a Matteo Marzotto. Presente fin dal mattino sarà invece Cristina Chiabotto, che in questi giorni girerà lo spot del parco, dal momento che è stata scelta come testimonial di Aquardens. Intanto la preparazione è giunta alle fasi conclusive. «In questo momento nel cantiere aperto da oltre 15 mesi», spiega il presidente Enrico Ghinato, «sono all'opera duecento tra impiantisti, muratori, giardinieri, elettricisti, impegnati nell'ultimazione dei lavori di Aquardens in vista dell'inaugurazione di mercoledì, che precederà di pochi giorni l'apertura al pubblico, prevista per il 23 luglio». Gli impiantisti stanno effettuando le verifiche e i collaudi del cuore di Aquardens: una città tecnologica di quattromila metri quadri, posta nel sotterraneo del parco. Qui è entrata in funzione la centrale di controllo, un sistema tecnologicamente all'avanguardia per il monitoraggio e la regolazione costante della qualità e temperatura di aria e acqua. «L'acqua salso bromo iodica, che sgorga batteriologicamente pura a 46 gradi», precisa il consigliere Flavio Zuliani, «viene convogliata nelle pompe calore, che ne estraggono il calore in eccesso per trasformarlo in energia utile al parco, consentendo un risparmio annuo di circa 1.500 tonnellate di petrolio, che significa non immettere nell'atmosfera Co2 equivalente a quanto assorbito da oltre 600 ettari di bosco». «Cinquanta pompe di filtrazione per il trattamento fisico dell'acqua garantiscono il mantenimento dello stato di purezza originaria, grazie anche alla presenza di filtri a raggi UV, che neutralizzano i batteri nei cinque ricambi quotidiani previsti, contro i tre di legge abitualmente adottati». «Circa 30 chilometri di tubazioni collegano le oltre 220 postazioni di idromassaggio», conclude, «e i diversi giochi d'acqua sparsi tra laghetti, vasche e lagune». Ultimi ritocchi anche per l'area che ospita la vasca salina. «Unico parco in Europa», riprende Enrico Ghinato, «Aquardens offre ai propri ospiti, compreso nel biglietto di ingresso alle terme, anche la possibilità di galleggiare perfettamente sostenuti nella vasca che unisce all'acqua termale il sale del Mar Morto». Chef, sommelier e barman hanno ormai definito le loro proposte e seguono passo passo l'arredo dei tre ristoranti, dei bar e del punto energy in acqua. In linea con la filosofia del parco, il Salus self restaurant sarà riservato ai soli ospiti delle terme, che vi potranno accedere in accappatoio e ciabatte, mentre il ristorante Aquardens e il Ripasso bistrot saranno accessibili anche dalla clientela esterna. Conclude il presidente Enrico Ghinato: «Grande importanza viene riservata alle potenzialità del parco quale luogo di socializzazione e aggregazione, così come tramandato dalla cultura degli antichi romani. In sostanza una sorta di terzo luogo, dopo la casa e il lavoro, per ritrovare benessere, energia, ma anche gli amici con i quali condividere questi piaceri».

Lino Cattabianchi
Suggerimenti

Articoli da leggere

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento richiede l’utilizzo di un “cookie di dominio” secondo quanto indicato nella Privacy Policy del sito; l’invio del commento costituisce pertanto consenso informato allo scarico del cookie sul terminale utilizzato.

pagine 1 di 1

Twitter

Facebook

Sport

Spettacoli