Seguici... Facebook Twitter Google+ Feed RSS
21 agosto 2017

Italia

CHIUDI
CHIUDI

Chiudi

20.04.2017

Rimini, è fuori
pericolo Calvelli
Aperta l'inchiesta

Caricamento in corso ...

Non hanno fatto in tempo a lanciare il «mayday». Quando si sono resi conto che il Bavaria di 15 metri su cui viaggiavano era diventato ingovernabile, la situazione è precipitata nel giro di pochi minuti. Attimi che per quattro membri dell’equipaggio del "Dipiu", la barca a vela che ieri pomeriggio si è schiantata contro la diga foranea all’imboccatura del porto di Rimini, sono stati fatali. La Procura di Rimini ha aperto un fascicolo contro ignoti per naufragio colposo e l’imbarcazione è stata posta sotto sequestro.

 

Solo due delle sei persone - cinque veronesi e un vicentino - che erano a bordo sono sopravvissute: Luca Nicolis, 39enne titolare della "Bottega del vino" di Verona, dimesso dall’ospedale Infermi in tarda mattina, e Carlo Calvelli, 69enne otorinolaringoiatra ancora ricoverato ma ora fuori pericolo. Le vittime sono Alessandro Fabbri, cardiologo 66enne; sua figlia Alessia, notaio 38enne fidanzata di Nicolis; Enrico Martinelli, 68 anni, ex dirigente della Valdadige, ed Ernesto Salin, 64 anni, ingegnere di Camisano Vicentino. La barca apparteneva ad Alessandro Fabbri. L’aveva acquistata una decina di anni fa e dopo l’estate era stata portata in un cantiere a Ravenna per manutenzione. Ieri l’equipaggio era partito tra le 12.30 e le 13 da Marina di Ravenna in direzione Trapani. L’allerta meteo era già stata diramata ma i passeggeri avevano comunque deciso di salpare, confidando di potersi fermare lungo il tragitto se le condizioni del mare fossero peggiorate. Così è stato.

Intorno alle 16, arrivati all’altezza del porto di Rimini, hanno chiesto e ottenuto, via radio, il permesso di attraccare. Ma qualcosa è andato storto nelle fasi di avvicinamento al porto canale. Il motore si è praticamente bloccato e l’imbarcazione è diventata ingovernabile, finendo in balia delle onde che l’hanno scaraventata contro la diga foranea. La barca si è ribaltata e gli occupanti sono stati catapultati in mare. I primi soccorsi sono stati prestati da un fotografo riminese che era in zona e che ha lanciato l’allarme. Il primo ad essere tratto in salvo è stato Nicolis, finito sulla scogliera, e dopo di lui Calvelli, recuperato in mare con un gommone dei Vigili del Fuoco. La prima vittima, Enrico Martinelli, è stato trasportato dalla corrente e trovato sulla spiaggia libera poco dopo il naufragio. Le ricerche sono proseguite tutta la notte. Le altre tre vittime sono state trovate questa mattina: due incastrate tra gli scogli e una trascinata dalla corrente all’altezza del bagno 44, a circa due chilometri e mezzo dal porto.

 

La procura di Rimini ha nel frattempo aperto una inchiesta per naufragio colposo. Sequestrato il dispositivo gps dell'imbarcazione e si cerca di capire quale sia stata la rotta esatta, da chi sia stata presa la decisione di partire e chi fosse ai comandi.

 

A Rimini sono arrivati anche i parenti delle vittime. Il sindaco Andrea Gnassi ha sottolineato che «oggi è un giorno di dolore per tutta la comunità riminese» e ha ricordato la tragedia del Parsifal, imbarcazione travolta da una tempesta, nel novembre del 1995, durante una traversata atlantica. Morirono sei riminesi.

Correlati

Articoli da leggere

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento richiede l’utilizzo di un “cookie di dominio” secondo quanto indicato nella Privacy Policy del sito; l’invio del commento costituisce pertanto consenso informato allo scarico del cookie sul terminale utilizzato.

pagine 1 di 1