Seguici... Facebook Twitter Google+ Feed RSS
14 dicembre 2018

Economia

CHIUDI
CHIUDI

Chiudi

20.04.2014

I prodotti parlano al consumatore attraverso IdOO

Alessandro Bisignano
Alessandro Bisignano

Prodotti «parlanti», in grado di far comunicare chi vende e chi acquista. Merito di una piattaforma, IdOO (www.id-oo.com/it), con la quale le imprese «istruiscono» sensori applicati sugli articoli, inserendo informazioni utili all'acquirente che , tramite un'applicazione, avvicina lo smartphone al sensore per leggere le informazioni rilasciate dal produttore. Si apre così un canale di comunicazione tra produttori e consumatori finali, al cui centro si snodano sì attività di marketing, ma anche di analisi di comportamenti e di fidelizzazione.
L'idea d'impresa è nata da tre professionisti con esperienza ventennale nel settore It: due veronesi con un passato nel campo gestione manager e business, Claudio Cortese e il ceo della società Alessandro Bisignano e il romano Gianni Frosoni, con backgroud più tecnico. La società è nata a gennaio e ha sede a Trento, «dove l'ecosistema ci offre più opportunità», precisa Bisignano, «con organismi, quali università e fondazioni, che fanno ricerca e sviluppo e mettono a disposizione anche relazioni internazionali».
La creazione del prototipo è iniziata due anni fa: «Abbiamo avvertito la necessità delle aziende di intercettare in modo alternativo i consumatori, con lo smartphone», sostiene Bisignano, «e di fornire informazioni complete sui propri prodotti, attribuendo loro un'identità unica, non copiabile né trasferibile». IdOO è stato pensato per essere un sistema efficace per combattere contraffazione e grey market, per fornire al cliente informazioni sul prodotto, per attivare iniziative di marketing e ottimizzare i servizi di customer care riducendone i costi. A sua volta, l'acquirente potrà vedere dal telefonino i dati dell'articolo, anche attraverso filmati, avrà la garanzia dell'autenticità e potrà accedere a dei servizi. Il made in Italy sta già apprezzando questa tecnologia: «Entro metà anno contiamo di avere dieci clienti», dichiara Bisignano, «tutte aziende italiane che operano soprattutto nel settore design, arredamento abbigliamento e accessori di fascia alta e nel settore metalmeccanico. Stiamo istituendo una pratica di finanziamento per tecnologie innovative con la provincia autonoma di Trento e a fine 2015 inizieremo il processo di internazionalizzazione».F.L.

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1

Sondaggio

Il ministro Bussetti chiederà agli insegnanti di dare meno compiti per Natale. Sei d'accordo?
ok

Sondaggio

Vota il veronese di Novembre 2018
ok

Sport

Spettacoli